Disabile morto annegato a Brescia

Un disabile morto annegato a Brescia. L’uomo di 51 anni stava passeggiando con la sua carrozzina, quando è caduto in un fosso pieno d’acqua e ha perso la vita. La vittima è di origini senegalesi.

Il disabile morto annegato a Brescia era ospite di un centro specializzato intitolato alla battaglia di Nikolajewka, la Fondazione Nikolajewka. L’africano ha deciso di fare una passeggiata con la sua carrozzina elettrica fuori dalla struttura. Durante il tragitto però è caduto in un fosso ed è morto annegato. Si potrebbe trattare di un malore o di una fatale distrazione.

Il disabile annegato a Brescia non avrebbe potuto lasciare da solo la struttura nella quale era ricoverato. L’uomo con la sua carrozzina elettrica è finito in un fosso proprio a pochi metri di distanza dalla struttura. Lo straniero, senegalese di nascita, aveva da poco ottenuto la cittadinanza italiana. Sulla vicenda indagano i Carabinieri di Brescia.

Il disabile, costretto alla sedia a rotelle, poteva entrare e uscire liberamente dalla struttura Nikolaevka in cui era ricoverato. Aveva solo l’obbligo di firmare un registro ad ogni ingresso e ad ogni uscita. L’uomo, invalido dopo un incidente sul lavoro, è annegato in una roggia a pochi metri dalla stessa struttura che lo ospitava.