Rave party in un capannone dismesso in via dei Pestagalli: Milano fa i conti con quasi mille persone radunate a Rogoredo

Scene incredibili in Città teatro di un rave party nella notte tra sabato e domenica 19 settembre in un’area dismessa in via dei Pestagalli, alla periferia Est zona Rogoredo. Sono all’incirca 900 i giovani che hanno preso parte al raduno. L’evento abusivo è stato segnalato intorno alle 3.30 di notte da alcuni residenti della zona.

Quando sono giunti i primi equipaggi dei Carabinieri erano già alcune centinaia le auto presenti all’esterno. La Questura ha così organizzato un servizio di ordine pubblico con decine di agenti per identificare i giovani presenti. Tre uomini sono stati trovati in possesso di sostanze stupefacenti durante l’intervento della polizia per interrompere il rave in via dei Pestagalli. Arrestati due uomini di 30 e 38 anni per spaccio di eroina: addosso avevano circa 40 grammi di droga già divisi in dosi. Indagato un 19enne per ricettazione e spaccio, è stato sorpreso con quattro grammi di hashish e 0,55 di «Mdma».

Nel corso dei controlli, sono stati fermati anche quattro furgoni carichi di strumentazioni musicali, che si stavano allontanando dal luogo del raduno. Individuata la persona che avrebbe organizzato il rave, che ora rischia una denuncia. Il rave party è stato organizzato all’interno del capannone di un’azienda dismessa che si occupava di trasporti, una struttura considerata pericolante. Al momento non si segnalano tensioni né problemi sanitari per i partecipanti. L’evento è stato organizzato in gran segreto e la location scelta è stata poi comunicata a ridosso della serata attraverso circuiti web.