Il gol della vittoria del Porto è viziato da un fallo non ravvisato di Taremi su Bennacer

I tifosi del Milan gridano allo scandalo. Un altro torto arbitrale che ha visto coinvolto e penalizzato il Milan. Il gol della vittoria del Porto è viziato da un fallo non ravvisato di Taremi su Bennacer, con il centravanti iraniano che al limite dell’area rossonera si disinteressa del pallone, guarda solo l’avversario e gli assesta una spallata sulla schiena. Il metro di Brych è fare giocare, ma qui c’è fallo. Dopo di che, Luis Diaz raccoglie il pallone vagante e infila Tatarusanu.

Emerge la differenza nel metro di valutazione del fischietto tedesco, più propenso a lasciare correre che a fischiare. In questo caso, l’eccezione costa la sconfitta al Milan. E se Pioli cerca di deviare l’attenzione su altre tematiche, Calabria una sottolineatura la fa. “Dal campo sembrava fallo, ultimamente ci sta andando male con la Var. Episodi a metà vanno sempre a sfavore”.

Il popolo rossonero, pur riconoscendo la brutta prova della squadra, si scaglia contro l’errore di Brych perché il Milan in Champions esce penalizzato per la seconda partita di seguito. L’episodio infatti si somma a quelli, ancora più gravi, di Cakir in Milan-Atletico, quando il fischietto turco aveva espulso Kessie dopo mezzora e concesso il rigore, inesistente, della vittoria spagnola in pieno recupero.