Milan. Rino Gattuso ha accarezzato l’impresa per 55 minuti

Rino Gattuso ha accarezzato l’impresa per 55 minuti. Poi il suo Milan è stato rimontato e sconfitto da Carlo Ancelotti a Napoli. “Abbiamo dominato per 55′. Abbiamo spento la luce al primo errore. Il rammarico più grande è essere scomparsi dal campo sul 2-1. È una squadra con grande paura, questo è demerito mio. Oggi mi brucia: non si può venire qua fare questa partita e tornare a casa con zero punti”.

Rino Gattuso si assume le colpe della sconfitta

Analizza a Sky Sport la sconfitta. “Non dobbiamo dare campo agli avversari, dopo il 2-1 siamo andati in grandissima difficoltà. Bisogna capire come migliorare questo aspetto, anche l’anno scorso è successo tantissime volte”. Il gol dell’1-2 di Zielinski ha cambiato il match. “Il primo errore lo fa Musacchio, non può dare una palla in quel modo. Ma in una partita dominata per 55′ un errore ci può stare, ma al primo errore subiamo una mazzata e bisogna migliorare”. Ringhio è avvelenato così come tutta la Milano rossonera. A Napoli la squadra è passata dal 2-0 fino a subire il 3-2. “Non abbiamo tenuto il campo con la stessa voglia e rabbia agonistica come nei primi 50 minuti, abbiamo preso gol e non siamo riusciti a reagire. E’ questo ciò che mi rammarica”.

Rino Gattuso deluso da Higuain e Bakayoko

Al San Paolo non si è visto ancora il vero Higuain. “Fino al 55′ ha toccato tantissimi palloni, dopo l’abbiamo trovato poco quando abbiamo cominciato ad aver paura. Può fare molto di più, ma alza la nostra qualità e ci può dare tantissimo”. Negativo l’ingresso di Bakayoko. “Deve imparare a ricevere palla, si deve mettere in modo corretto a livello di postura. Non basta una settimana per togliere i difetti ai giocatori. Partire con i giocatori della vecchia gestione è anche per questo motivo”.