Spray al peperoncino a tutela dell’incolumità dei ghisa milanesi

Per i ghisa arriva in dotazione lo spray al peperoncino. Sono stati acquistati i primi 500 dispositivi a base di Oleorisin Capsicum, il principio attivo del peperoncino piccante, conformi al Decreto ministeriale n. 103 del 12 maggio 2011. Esso stabilisce le caratteristiche tecniche di questi dispositivi anti aggressione). Gli agenti riceveranno in dotazione lo spray al peperoncino dopo un corso di formazione organizzato dalla Scuola del Corpo della Polizia locale, necessario a fornire gli elementi teorici e pratici per il corretto utilizzo di questo nuovo strumento, oltre alla conoscenza dei presupposti normativi che ne disciplinano l’utilizzo.

La spesa di 34 mila 648 euro prevede, oltre ai dispositivi, anche l’acquisto di otto caschi e quattro cuscini di protezione per gli operatori che intervengono in caso di Trattamento sanitario obbligatorio (TSO).

Il vice sindaco Anna Scavuzzo spiega che “il seminario di formazione sul Trattamento sanitario obbligatorio tenuto alla Scuola del Corpo nell’autunno scorso, ha permesso di far emergere alcune difficoltà che gli agenti si trovano ad affrontare e che sono state discusse anche durante gli incontri con le organizzazioni sindacali. Il tema della sicurezza e dell’incolumità degli agenti vede oggi un ulteriore passo concreto per rispondere alle loro legittime richieste. Ricordo che nel 2018 la Polizia locale ha eseguito 707 TSO. Purtroppo in alcuni casi si tratta di persone con comportamenti aggressivi. Le protezioni e, se necessario, l’uso di spray urticante possono essere strumenti per preservare l’incolumità degli agenti”.

Lo spray al peperoncino è già in dotazione in diverse polizie locali italiane

E’ già usato a Bologna, Piacenza, Ravenna e Brindisi. “Si tratta di uno strumento che funzionerà da deterrente e a tutela dell’incolumità di chi si trova ad operare in situazioni di elevata tensione – prosegue il Comandante Marco Ciacci -. Il corso di formazione fornirà le competenze necessarie per agire in sicurezza, riducendo al minimo i rischi e con lo scopo di rafforzare l’immediata capacità di intervento del nostro personale”. L’acquisto è stato stabilito in una determina di spesa sottoscritta dal comandante della Polizia locale Marco Ciacci, ed è avvenuto tramite trattativa diretta sul Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA), in quanto la tipologia merceologica richiesta è presente fra i beni acquistabili.

“Nei confronti con i sindacati – continua il vice sindaco – il tema della sicurezza e delle protezioni per gli agenti è centrale: oggi proseguiamo a rispondere a queste richieste in modo concreto. Guardo con favore agli strumenti che contribuiscono a salvaguardare l’incolumità degli agenti in caso di aggressione. Lo spray urticante servirà ad evitare che situazioni critiche possano degenerare in comportamenti violenti e pericolosi”.