Città dell’Anno 2019: Milano batte Sharjah

La Città dell’Anno 2019 per WallPaper Magazine è Milano. La testata inglese diffusa in tutto il mondo, specializzata in arte, moda e architettura, premia la città. Milano ha battuto la concorrenza di Sharjah, Shanghai, Helsinki e Vancouver. Per i giudici, “Milano sta vivendo un eccitante rinascimento”.

La forza propulsiva come hub di attrazione per turisti e investitori stranieri è data dai big della moda come Miuccia Prada e Giorgio Armani. E’ quanto sottolineano i giudici. Ciò ha fatto emergere Milano come “capitale del design”. Si va dalla Fondazione Prada all’Armani Silos, passando per l’Armani Hotel. Si parla anche di Building del gallerista Moshe Tabibnia, in zona Brera, un nuovo grande spazio di 6 piani adibito a mostre e laboratori, che unisce “nuovi talenti artistici a nomi internazionali”.

La Triennale, programmata per il 2019, è stata “rinvigorita” dal nuovo presidente Stefano Boeri e dal suo team di curatori. Poi si fa menzione dei grandi progetti architettonici che stanno cambiando il paesaggio urbano, che combinano “la tradizionale grandeur” milanese con “un linguaggio architettonico contemporaneo”. Tra i punti fermi che hanno portato alla designazione di questo ennesimo ‘design award’ per Milano, tanti progetti appena realizzati e altri che vedranno vita nei prossimi mesi.