Prepararsi al trasloco: qualche suggerimento

Per affrontare al meglio un trasloco possiamo svolgere alcune attività in autonomia, senza quindi attendere la ditta di traslochi che abbiamo contattato. Ci sono vari suggerimenti che rendono più semplice, ad esempio, l’imballo dei nostri averi, a partire da imparare come preparare i libri per il trasloco, fino alla composizione delle scatole da trasportare.

Gli oggetti che abbiamo in casa

Tutti noi in casa possediamo ampi quantitativi di oggetti di ogni genere; alcuni sono semplici soprammobili o ninnoli, altri sono oggetti che ci servono nel quotidiano, come ad esempio le pentole che abbiamo in cucina. Prima di valutare come imballare tutto ciò che possediamo, conviene in genere ragionare sull’effettiva utilità di ogni singolo oggetto. Il periodo che precede un trasloco è infatti perfetto per ripulire la casa da oggetti inutili, o che non usiamo da tempo, o addirittura dei quali non abbiamo ancora compreso l’utilità. Regali mai usati, acquisti sbagliati che sono rimasti nel guardaroba, abiti che non indossiamo da più di 3 anni. Tutte queste cose possono tranquillamente essere scartate, ad esempio regalandole a qualcuno, o addirittura vendute nelle aste in rete, racimolando anche qualche soldo. Il metodo per disfarsene dipende poi da ogni singolo oggetto, l’importante sta nel non affannarsi per portare con noi cose che in realtà non ci servono e non useremo mai.

L’imballaggio giusto

Nel momento in cui prepariamo le scatole per un trasloco dobbiamo anche ricordare di confezionare ogni oggetto in modo che non si rompa e che non si rovini durante il trasporto. A tale scopo in genere si utilizzano appositi imballaggi, come ad esempio il Pluriball, o i classici fogli di carta velina per gli oggetti molto fragili. Per evitare di acquistare prodotti di questo tipo, che per altro hanno un costo non indifferente, possiamo sfruttare ciò che possediamo come imballaggio. Ad esempio abbigliamento di cotone, calze e asciugamani sono perfetti per attutire gli urti: usiamo nelle scatole che contengono gli oggetti più delicati, non rischieremo di romperli o rovinarli.

Scatole piccole e maneggevoli

Per fare in modo da poter spostare agevolmente le scatole del trasloco è importante che siano ben confezionate, ma anche che non siano eccessivamente pesanti. Superare i 10-15 kg non è consigliabile, perché rende ogni scatola pesante e porta a maggiori rischi che si apra il fondo, rovesciando tutto il contenuto a terra. Meglio quindi avere a disposizione molte scatole di dimensioni ridotte, evitando di riempirle con oggetti molto pesanti. Per quanto riguarda libri, piatti e altri oggetti che hanno un certo peso, meglio prevedere imballaggi piccoli e maneggevoli.

Gli oggetti preziosi o delicati

In casa possiamo avere anche oggetti particolarmente preziosi, o molto delicati. Si pensi ad esempio alle piane del soggiorno, ai bicchieri di cristallo da usare solo nelle occasioni speciali, o anche ai vari gioielli e orologi cui teniamo molto. Queste cose dovrebbero essere trasportate a parte, evitando di inserirle nelle classiche scatole per il trasloco. Potremo anche porle in contenitori appositamente acquistati, per poi spostarle all’ultimo minuto. Oppure si potrebbe considerare di spostare questi oggetti anche vari giorni prima del trasloco, per trovare un modo di trasporto consono e un posizionamento adatto nella nuova casa.