Turismo e cultura driver di attrattività per Milano

Turismo e cultura sono fattori di attrazione per Milano. Oltre 10,2% nel 2017, più 9,86 nel 2018. Inoltre una stima costante di crescita anche per l’anno in corso. Quali le ragioni del costante aumento negli ultimi anni dei turisti a Milano? Una va cercata certamente nell’offerta artistica e culturale della città.

Se ne è parlato durante l’incontro “Turismo e cultura driver di attrattività a Milano”, organizzato dalla Presidenza del Consiglio comunale. Hanno partecipato gli assessori del Comune Roberta Guaineri (Turismo) e Filippo Del Corno (Cultura). E inoltre Manuela De Carlo, professore ordinario di Economia aziendale e direttrice master in Hospitality and tourism management – Università Iulm Milano e Guido Ferilli, ricercatore senior dipartimento di Studi Umanistici – Università Iulm Milano.

Turismo e cultura: legame antico

“Cultura e turismo sono parole unite da un legame antico e profondo” hanno affermato in apertura il presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e il vice presidente Beatrice Uguccioni. “Oggi decliniamo il turismo in vari modi: turismo di piacere e svago, di affari, religioso o sanitario. Ma un tempo il turista era colui che viaggiava soprattutto per istruirsi, per acculturarsi, in cerca di bellezza artistica e sapere. In questo senso l’offerta del nostro Paese è di gran lunga la prima al mondo. E Milano, negli ultimi anni, ha saputo inserirsi in questo solco, differenziando e ampliando una platea di visitatori che prima era soprattutto legata al mondo degli affari”.

“Per mantenere questo trend di crescita l’impegno dell’Amministrazione nel promuovere Milano a livello internazionale prosegue incessante” ha aggiunto Roberta Guaineri, assessore al Turismo. “Grazie alle tecnologie digitali e al mobile, oggi possiamo conoscere e analizzare le esigenze, i movimenti e le modalità di spesa dei turisti quando sono sul nostro territorio. Ciò ci consente di migliorare l’offerta di servizi ai visitatori e rendere così la nostra città sempre più accogliente e attrattiva. I nove mesi di celebrazioni per il cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci rappresentano inoltre una straordinaria opportunità per Milano per rafforzare la sua vocazione di città turistica”.