La mobilità elettrica a Milano cresce: 5 consigli utili per approcciarsi

La mobilità elettrica a Milano è sempre più diffusa. Anche grazie al car sharing nonché agli incentivi per usare mezzi ecologici in città. Contro lo smog provocato dai veicoli a combustibile fossile Palazzo Marino da anni conduce una battaglia con diversi provvedimenti per limitarne la circolazione come Area C prima e ora Area B. Ma non solo le zone a traffico limitato, anche la mobilità condivisa. I mezzi elettrici sono molto utilizzati grazie anche ai diversi punti di rifornimento diffusi su tutto il territorio metropolitano e ad una tariffa per la ricarica piuttosto vantaggiosa. Ad oggi le auto elettriche sono la migliore alternativa. Esse vanno inquadrate però in un piano di consumo calcolabile. Ecco quindi 5 consigli utili per approcciarsi.

La mobilità elettrica: come avvicinarsi

E’ importante entrare nell’ottica che si tratta di un notevole investimento. Le auto elettriche per la mobilità sostenibile sono, in particolare in contesti urbani come Milano, il presente e il futuro. Pertanto la curva di adattamento ad una tecnologia simile è meno ripida di quanto si possa pensare, una volta valutato il contesto.

Va analizzato il rapporto costi/benefici. Le tecnologie dei motori a combustibile fossile, per quanto ancora inquinanti, sono migliorate negli ultimi anni, sia a livello di inquinamento sia per i consumi. Senza dubbio però l’auto elettrica è più sostenibile. Nel lungo periodo concorre a rendere migliore l’ambiente di riferimento. L’ingresso in questa tipologia di mobilità deve apportare dei vantaggi concreti all’utente. Solo così il conducente riesce a superare i punti di debolezza. Innanzitutto è bene informarsi in anticipo su quelli che sono i vari standard delle prese di ricarica.

Visto il funzionamento differente dell’auto elettrica, scandito dal ciclo di ricarica delle batterie, bisogna annotare le proprie abitudini. E’ importante valutare se i propri tempi coincidono con quelli dell’auto come il periodo di carica. Le batterie diventano di anno in anno sempre più capienti ed efficienti, ma in caso di fretta e mancanza di carica l’auto elettrica non potrà essere d’aiuto.

L’auto va inserita in un sistema sostenibile

Comprare un’auto elettrica è un passo importante. Si tratta di una modalità efficace di portare il più vicino allo zero reale le emissioni inquinanti. Per inserire il tutto in un sistema sostenibile è consigliato usare l’energia elettrica prodotta da pannelli fotovoltaici. Per chi ha un tetto a disposizione, è utile installare i pannelli fotovoltaici, la cui energia andrà ad alimentare le utenze di casa, tra cui anche la ricarica della vettura. E’ possibile anche convincere il condominio a fare questo investimento.

La gestione di un’auto elettrica richiede delle variabili come la presenza di un punto di ricarica fisso. E’ opportuno assicurarsi con anticipo di avere uno spazio dedicato, in questo caso per la ricarica e il riposo del veicolo, preferibilmente un garage privato o un box dentro un parcheggio condominiale. Le infrastrutture pubbliche stanno crescendo ma essere autonomi è sempre importante.