L’importanza dell’imballaggio nell’e-commerce

Quando si acquistano prodotti tramite sistema e-commerce, modalità di acquisto ormai ovunque ampiamente diffusa, visto il costante aumento di siti di compravendita, uno degli elementi rilevanti al quale prestare attenzione è senz’altro l’imballaggio del prodotto (tecnicamente detto “packaging”).
Nessuna azienda che lavori tramite e-commerce può permettersi di ignorare questo aspetto, e i motivi sono effettivamente molti. Vediamoli insieme in seguito.
Il livello di protezione della merce che deve essere spedita deve garantire all’acquirente diriceverla nel modo più sicuro possibile, evitando al massimo il rischio di eventuali danni.È fondamentale quindi tutelare il destinatario ma anche il produttore stesso che, in caso di danni durante la spedizione, ne sarebbe direttamente responsabile e dovrebbe rimborsare il cliente e/o rispedire la merce.
Al fine di preservare al meglio gli articoli è necessario assicurarsi che i prodotti non siano soggetti a colpi, vibrazioni eccessive o cadute. Pertanto, per la protezione interna del prodotto sarà necessario ricorrere a un buon imballaggio realizzato, a seconda del tipo di merce, utilizzando uno o più dei seguenti metodi: fogli di polietilene espanso, plastica a bolle, schiuma modellabile o espansa, imballaggi gonfiabili, gommapiuma sagomata, fogli di polistirolo da minimo 1,5 cm di spessore, carta da imballaggio strettamente accartocciata, angolari e profili protettivi. Queste opzioni, acquistabili presso i più grandi rivenditori come Arix Imballaggi, serviranno a garantire protezione, ammortizzamento e schermature da impatti e assicureranno che il contenuto sia correttamente fermo all’interno della confezione.
Fondamentale poi una corretta sigillatura esterna, ad esempio attraverso l’utilizzo di nastri adesivi altamente resistenti, larghi almeno 50 mm da applicare sugli angoli, sulle parti inferiori e superiori del pacco in modo da chiudere tutte le fessure e, possibilmente, passando il nastro più volte per una più sicura sigillatura.
Si possono, inoltre utilizzare colle con dosatori professionali specifiche proprio per imballaggio o anche applicare dei profili angolari sui bordi esterni.
In ultimo, ma di grande importanza: non vi devono mai essere parti dell’articolo che sporgono dal pacco; piuttosto, meglio utilizzare un pacco più grande, che possa includere completamente l’articolo da trasportare o addirittura includerlo in un’ulteriore confezione più capiente.
Il tipo di imballaggio rappresenta una sorta di carta di identità dell’azienda di produzione: comunica la sua attenzione al cliente finale, e verso le sue esigenze e il tipo di imballaggio utilizzato dice della serietà dell’azienda stessa. L’obiettivo finale è infatti che il cliente ottenga un prodotto integro, esattamente come quello visto sul sito; perché spesso, nel dubbio che non ci sia corrispondenza, il cliente non rischia l’acquisto.
Questo fa sì che il cliente sia invogliato a pubblicizzare il sito in questione e ad effettuare nuovi acquisti, con la certezza che le proprie aspettative saranno soddisfatte, rassicurando altri eventuali acquirenti sulla sicurezza della spedizione. In tal modo, un corretto imballaggio non ha quindi solo una funzione pratica ma anche quella di fidelizzare il cliente e conseguentemente acquisirne di nuovi.
Bisogna, inoltre, tener presente che le merci devono essere trasportate solo in imballaggi conformi, omologati ed approvati dal vettore, a seconda della tipologia di prodotto (vetri, quadri, mobili, documenti, giocattoli, altro): è responsabilità dell’azienda pertanto rispettare le linee guida standard scegliendo forme e modalità di imballaggio adeguate che aumentino la stabilità e la sicurezza della merce all’interno dei veicolo del corriere, proprio in conformità alle policy del corriere stesso.