Antonio Conte non molla la lotta scudetto: l’Inter lancia la sfida a Juve e Lazio

La lotta tricolore è a tre. Antonio Conte non molla la lotta scudetto. Il tecnico nerazzurro, grazie alla vittoria contro la Sampdoria, è tornato a -6 dalla Juve. “Non avremo spazio per sbagliare in queste ultime partite. Fa tutto parte di una crescita, però se vogliamo rimetterci in gioco – e lo vogliamo fare – dobbiamo migliorare in quest’aspetto” ha detto a Sky Sport dopo il 2-1 sui liguri. “Voglio avere quanto prima tutti a disposizione, vogliamo giocarci le nostre carte sapendo che i margini di errore saranno minimi. Dobbiamo avere veleno, quella è la chiave per vincere qualcosa e pensare in grande”.

“Bisogna capire che se vuoi ambire a essere protagonista e a vincere trofei, devi essere cattivo. Se hai una situazione da rete, devi far gol. Se avessimo pareggiato i due scontri diretti con la Juve, avremmo avuto i suoi stessi punti. Sono soddisfatto della partita dei ragazzi, ho visto tanta generosità. Però dobbiamo essere più cattivi. C’è fiducia. È inevitabile che ci voglia un po’ di tempo, però adesso dobbiamo giocare. Eriksen, Lautaro e Lukaku? Sono contento. Come contro il Napoli, hanno creato tanto. Possono fare di più, Christian deve diventare più cattivo. In questo periodo abbiamo lavorato tanto per portarlo nelle migliori condizioni”.

“Juve e Lazio hanno più margini di errore rispetto a noi. La Lazio ha tutte le carte in regola per fare qualcosa di straordinario, così come la Juve che in questi anni ha dominato e dimostrato in maniera netta di essere superiore alle altre. Quest’anno è più difficile perché le avversarie sono più agguerrite. Per me la Juve continua a rimanere una squadra forte, abituata a giocare determinate partite e a soffrire determinate pressioni. Noi ci vogliamo inserire e rompere le scatole fino alla fine. L’Inter sta giocando per qualcosa di importante. Se vogliamo costruire questa mentalità vincente, non dobbiamo precluderci nessun obiettivo”.