Frana improvvisa a Chiesa Valmalenco: morti una coppia più una bambina amica di loro figlio di 5 anni

Tragedia in Lombardia. Una frana improvvisa, dopo una bomba d’acqua di pochi minuti, ha travolto un’auto uccidendo padre, madre, più una bambina amica di loro figlio di 5 anni, il quale è sopravvissuto, ma è in gravissime condizioni. I genitori della bimba, che viaggiavano nell’auto dietro, hanno scavato a mani nude nel fango per tentare invano di salvare la figlia. Coinvolto anche R.D., 49 anni, ferito all’addome e trasportato a Lecco.

La tragedia è avvenuta nel pomeriggio a Chiareggio, località di Chiesa Valmalenco, provincia di Sondrio. Un temporale improvviso e fortissimo, ancor più di quelli che capitano in montagna ogni tanto d’estate. “In quella zona poi – dice il sindaco di Chiesa, Renata Petrella – le frane sono abbastanza frequenti”. Ma soprattutto sono slavine invernali. Un distacco come questo non si era mai verificato, e anche per questo forse ha colto di sorpresa la famiglia, turisti della provincia di Varese.

Le vittime abitavano in provincia di Varese, a Comabbio. Sono Gianluca Pasqualone, 45 anni, origini laziali, lavorava in un’azienda che si occupa della lavorazione di vetro; la compagna Silvia Brocca, 41 anni, assistente in uno studio dentistico di Sesto Calende; Alabama Guizzardi, 10 anni di Gallarate; il piccolo Leo, ora in gravi condizioni. La comitiva di amici stava salendo in uno dei tanti ristoranti della zona per festeggiare il compleanno della ragazzina, figlia di due coniugi sopravvissuti alla frana. Viaggiavano sull’auto davanti a quella travolta dalla colata di fango. Quando si sono accorti di quello che stava accadendo si sono precipitati nel greto del torrente, hanno provato a scavare a mani nude per estrarre la loro bimba dalle macerie. Oltre agli occupanti della Suzuki è stato travolto dalla colata anche un uomo di 49 anni, ricoverato a Lecco per un trauma all’addome, e che non è in pericolo di vita.

La frana è enorme tanto che si dovranno probabilmente evacuare alcuni abitanti. La vettura è stata trascinata nel torrente Mallero, che scorre lì sotto, e alle 17,15, quando è scattato l’allarme. Sul posto sono arrivate due ambulanze, un’auto medica (da Sondrio) e due elicotteri (da Sondrio e Como). Un’ora dopo, il ritrovamento dei corpi dei due genitori, poco dopo anche quello della bambina, mentre il figlio della coppia è stato caricato a bordo dell’elicottero per il trasporto all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. In più un elicottero da Bergamo, che opera sul Berniona, il massiccio montuoso che domina la zona, ha recuperato il 49enne R.D. con una ferita aperta sull’addome, che è stato ricoverato a Lecco.

“Solo la macchina dei turisti è stata travolta dalla frana” riferisce il comandante provinciale dei carabinieri, Emanuele De Ciuceis, arrivato sul luogo. Ma non si esclude che ci possano essere altre persone travolte da questo fiume di terra, fango e acqua. Per questo si è reso necessario l’intervento di una ventina di vigili del fuoco coordinati dalla centrale operativa di Sondrio, più gli uomini del Soccorso alpino. E un elicottero notturno da Brescia ha appena trasportato personale Usar, Urban search and rescue, specializzato nella ricerca tra le macerie, e specialisti sanitari del 112. Il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, scrive su Facebook: “Invito tutti a dedicare una preghiera per le vittime, per i loro famigliari distrutti dal dolore e per il bimbo ricoverato”.