Ma quanto costa morire oggi? Facciamo due calcoli…

Per scoprire quanto costa essere cremati e celebrare un funerale bisogna analizzare tante variabili che possono far oscillare il costo complessivo del servizio, infatti, ogni elemento ha un proprio prezzo. La cosa importante, sia che abbiate scelto l’inumazione, la tumulazione o la cremazione, e che la scelta fatta rispetti le volontà delle disposizioni lasciate in merito dal defunto e che è un dovere del parente rispettare.

A scanso di equivoci, chiariamo subito che il luogo comune che vede la cremazione più economica di un funerale tradizionale è sbagliato. Infatti, si tratta di una mezza verità in quanto il prezzo medio di un funerale nel nostro paese può Scilla re dai 1500 fino ai 3.200 € ma i costi cambiano a seconda del tipo di cassa, due tipi di fiori, del tipo di cerimonia, ecc. Ovviamente con la cremazione si risparmia sulla bara dato che bisognerà bruciarla e se ne può scegliere una davvero economica, inoltre si possono anche abbattere i costi cimiteriali data la possibilità di tenere le ceneri in casa.

Se si opta per la cremazione

il servizio della cremazione è pubblico e per tale motivo le tariffe sono controllate dallo Stato nonostante ogni comune possa modificare da sé i costi. Sino l’anno scorso la tariffa di una cremazione era di circa 510 euro ma, in virtù della libertà di cui abbiamo detto poco prima, per alcuni comuni tale servizio ha raggiunto anche il costo di 800 euro. Per conoscere il costo di un funerale con cremazione a Roma visita il sito Cattolicasanlorenzo.it.

Il prezzo del funerale

Per conoscere il prezzo del servizio completo, dovete sommare costo del forno crematorio ogni servizio che vorrete aggiungere valutando bene i costi in base alle qualità dei servizi scelti: l’urna per conservare le ceneri, l’eventuale vestizione della salma, la camera ardente, la realizzazione di una lapide con le relative iscrizioni, ecc.

Inoltre, se avete optato per la dispersione delle ceneri in maniera naturale, sappiate che anche in questo caso il previsto un costo che va aggiunto a tutti gli altri servizi. Per esempio, nel caso di dispersione delle ceneri in mare bisognerà noleggiare un’imbarcazione; oppure se avete deciso di stampare il necrologio sui manifesti funebri bisognerà calcolare un altro costo aggiuntivo.

Infine, non fatevi ingannare dalla distanza del forno crematorio dal vostro comune perché se quello a voi più prossimo si trova abbastanza lontano ciò inciderà suoi i costi relativi al trasporto funebre.