Liquidità importante per tamponare crisi dovuta a siccità e rincari in agricoltura

Agricoltura, via libera dalla Giunta regionale lombarda all’anticipo dei pagamenti della pac. Si tratta di ben 170 milioni di euro che rappresentano una vera e propria boccata d’ossigeno per 14.000 aziende agricole lombarde. Regione Lombardia ha iniziato i pagamenti dell’anticipo Pac (Politica agricola comune) a 14.640 aziende agricole: 168,4 milioni di euro totali che saranno erogati alle imprese entro il 31 luglio. Si tratta dunque di una straordinaria iniezione di liquidità per il comparto agricolo lombardo in un momento di difficoltà, causata dalla perdurante crisi idrica e dai rincari energetici che hanno colpito il comparto.

L’assessorato regionale competente evidenzia infatti come si sia riusciti ancora una volta a liquidare l’anticipo Pac nel mese di luglio. Dunque proprio nel periodo in cui gli agricoltori sono in campo e hanno maggiore necessità di risorse. In un momento proprio di particolare difficoltà del settore. In alcune zone della regione, è infatti già andata persa la metà del raccolto. L’emissione di queste risorse servirà ad anticipare i finanziamenti che le imprese riceveranno nell’ambito della Politica Agricola Comune. E grazie all’anticipo sarà dunque possibile sostenere e rilanciare il comparto agricolo lombardo, vero motore economico del Paese.

L’anticipo Pac alle imprese agricole viene erogato sotto forma di prestito per anticipare i finanziamenti che le imprese ricevono nell’ambito della Politica Agricola Comune. La Regione Lombardia eroga già a luglio una quota pari al 70% delle risorse che, in base alla normativa comunitaria, le imprese ricevono a partire dal mese di novembre. L’anticipo della Pac è stato reintrodotto dalla Regione Lombardia nel 2019 e ora è realtà a livello nazionale. Gli agricoltori infatti non potevano permettersi ritardi, soprattutto quest’anno.

Le risorse erogate per provincia

Bergamo 1.563 aziende, 9.417.394,27 euro; Brescia 3.420 aziende, 28.058.498,19 euro; Como 221 aziende, 1.152.064,84 euro; Cremona 2.262 aziende, 33.569.465,55 euro; Lecco 88 aziende, 429.022,79 euro; Lodi 606 aziende, 10.565.762,23 euro; Mantova 2.080 aziende, 22.854.720,01 euro; Milano 891 aziende, 12.907.744,08 euro; Monza E Brianza 103 aziende, 711.982,34 euro; Pavia 3.155 aziende, 47.586.207,68 euro; Sondrio 72 aziende, 268.043,34 euro; Varese 179 aziende, 879.974,23 euro. Totale Lombardia: 14.640 aziende, 168.400.879,55 euro.