Milano virtuale: un’esperienza pazzesca al Castello Sforzesco

Una Milano virtuale pazzesca da vedere. E’ quella proposta dal Castello Sforzesco. Di per sé il Castello è uno dei luoghi da visitare per chi vuole conoscere Milano. Sino al 31 luglio lo è ancora di più. Si può infatti salire nella torre Falconiera. Da qui si domina la città e si entra a contatto con il mondo di Ludovico il Moro.

Milano virtuale: Ludovico il Moro

Questo personaggio del passato amava la caccia. Infatti allevava i suoi falchi. Uno è stato trovato imbalsamato. Nella torre falconiera ci sono oggi sei postazioni per un’esperienza di realtà virtuale pazzesca. Un’esperienza interattiva che fa immergere infatti nell’epoca degli Sforza.

Si parte dal cortile della Rocchetta. Qui ci sono gli arcieri che guidano alla conquista delle merlate. Sono delle guide che illustrano come distinguere un castello guelfo da uno ghibellino. Illustrano le feritoie da dove tirare con l’arco e dove posizionare la balestra. A quel punto il viaggio porta nella torre Falconiera. Qui si indossa la maschera audio visiva. Grazie a due mani bioniche si approda virtualmente in un giorno di festa della fine del Quattrocento. L’ambientazione è un torneo organizzato da Ludovico il Moro con Leonardo da Vinci, maestro di cerimonie.

17 minuti di realtà virtuale

Nella full immersion virtuale si prende parte al torneo. E’ un’esperienza sensazionale anche per gli adulti. L’iper realtà rinascimentale del Castello coinvolge tutti i sensi. Si è accompagnati dalla voce di Eva che fa da cicerone descrivendo gli eventi. La narrazione si avvale delle fonti storiche della raccolta Bertarelli e anche dello studio degli oggetti esposti nell’armeria del museo. Tutto è stato curato nei minimi dettagli con la supervisione delle conservatrici del Castello. E grazie alla valida collaborazione del dipartimento di Storia dell’Università Statale.

Milano virtuale Castello Sforzesco arcieri

Esperienza edutainment

Si tratta di una forma di intrattenimento con l’obiettivo di educare divertendo. L’idea è di Marco Arena, trentenne laureato in economia dell’ambiente. E’ il founder della start up milanese Beyond the gate formata da soli professionisti giovanissimi. “Siamo stati nella Silicon Valley e non abbiamo visto nulla di simile a quanto abbiamo prodotto per il Castello perché in America la realtà virtuale viene sviluppata solo per il divertimento”. “Qui si rivive la storia, è come fare una visita guidata ma partecipando attivamente, in prima persona” racconta Arena alla stampa.

Collezione di armi e armature

Il direttore Claudio Salsi sottolinea ai media come i visitatori “amano molto il Castello come fortezza militare e questa novità virtuale, come l’apertura del canale Instagram, fa parte dell’avvicinamento dei contenuti storici e scientifici a un pubblico ormai abituato a strumenti di conoscenza diversi”. Un’ottima occasione per conoscere ed apprezzare il Castello Sforzesco di Milano.

Un pensiero riguardo “Milano virtuale: un’esperienza pazzesca al Castello Sforzesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *