La scommessa di Scaroni è portare il Milan in Champions

Per gli americani il Milan è una scommessa da vincere. L’investimento per risultare fruttuoso deve valorizzare il club. Infatti l’obiettivo è rivenderlo tra due annualità e fare utili. E’ la logica dei banchieri a stelle e strisce. E’ la scommessa che Paolo Scaroni deve vincere. Per Milano e per i tifosi milanisti, invece, è questione di gloria e di blasone sportivo. Una squadra come il Milan deve stare nel palcoscenico che conta.

Milan in Champions: come si muove la società

Il patron del Diavolo è stato in queste ore in Gazzetta e ha parlato del futuro della squadra. “Nel calcio moderno la parte sportiva deve andare di pari passo con quella economica. Di certo, una squadra come la nostra dovrebbe sempre essere in Champions. Ad Agnelli dico che a uno scudetto preferisco tre partecipazioni di fila nell’Europa dei big”. E’ il pensiero del massimo dirigente del club. Le quotazioni per un Milan in Champions già dal prossimo anno sono alte. Anche i migliori bookmakers stranieri danno quasi per certa la partecipazione della squadra allenata da Gattuso alla prossima Champions.

Per arrivare nel massimo campionato europeo per club serve però una squadra competitiva. Al Milan necessita anche il miglior Pipita. “È sempre nervoso, con la Juve lo era ancora di più. Ma ha chiesto scusa e – motivo del ricorso – non ha insultato nessuno. A 30 anni, però, deve imparare a trattenersi” ha specificato Scaroni parlando di Gonzalo Higuain.

Elliott vuole un Milan ambizioso

La proprietà americana crede davvero nel Milan e ha deciso di investire partendo dal potenziale dei rossoneri. “Siamo il club italiano con più tifosi nel mondo, vogliamo tornare a livelli economici e sportivi eccellenti” precisa il presidente. “La Juventus è un modello, certo. Ma lo dico anche se Agnelli non condividerà: vincere sette scudetti di fila è un bellissimo record, ma ormai i titoli nazionali perdono peso in favore delle competizioni europee. In Cina o in Brasile guardano le coppe più che i campionati. Per questo preferisco un Milan qualificato tre volte in Champions piuttosto che vincere uno scudetto”.

Milan in Champions: il ritorno di Zlatan Ibrahimovic

Scaroni al quotidiano sportivo ha parlato anche di mercato e di Zlatan Ibrahimovic. “Sarà libero di scegliere la sua nuova squadra. È un giocatore fantastico, da tifoso lo adoro per l’altezza abbinata all’agilità. Sul mercato però non decido io. E il mio giocatore preferito in assoluto ce l’ho già in squadra: Suso”.

Intanto Mino Raiola è a Milano per Giacomo Bonaventura, costretto all’operazione per risolvere un’infiammazione al ginocchio. Si vocifera di un possibile incontro con Leonardo anche per discutere di un ritorno dello svedese. Ibra, finita la regular season in America con i Galaxy, si guarda intorno e pensa al Milan come possibile approdo. Per la corsa Champions un suo apporto potrebbe essere fondamentale. Certamente a gennaio il Milan si rafforzerà per centrare l’obiettivo.