E’ tornato il Cimento nei Navigli con doppio appuntamento

Dopo quattro anni di assenza torna il cimento nei navigli. Si tratta del tradizionale tuffo nel Naviglio Grande a ridosso dei giorni della merla. Una tradizione meneghina più antica della prima Olimpiade moderna. Infatti la prima edizione si tenne il 27 gennaio del 1895. Andò avanti sino agli Anni Sessanta. La Canottieri Olona la riportò in auge dal 2009 al 2015.

I nuovi promotori appartengono alla Canottieri San Cristoforo. Due tuffi: un cimento da leoni, allo scoccare della mezzanotte di sabato 26 gennaio e poi la tradizionale nuotata a mezzogiorno di domenica. L’idea è venuta a Sergio Passetti, presidente della San Cristoforo. Gli iscritti sono già 25 per il cimento di mezzanotte, altrettanti per l’altro. Per partecipare bisogna avere tra i 18 e i 60 anni. Gli atleti si tufferanno dal pontile di fronte alla San Cristoforo, per raggiungere il pontile successivo, dopo circa 50 metri, passando sotto il ponte della ferrovia.

Versando la quota d’iscrizione di 50 euro si ricevono il costume a righe stile primi del Novecento, poi accappatoio, cuffia, diploma e l’invito alla spaghettata post nuotata. Si ha anche un quaderno dei cimenti. Non mancheranno gli atleti della Squadra Italiana di Nuoto in Acque Gelide, che risalirà il Naviglio controcorrente.

Tra gli iscritti al tuffo di mezzanotte c’è Roberto Nannini, milanese con doppia nazionalità italiana e neozelandese, perché ha vissuto per dieci anni in Nuova Zelanda e lavora per un’impresa locale. È la sua ultima occasione, dato che sta per compiere 60 anni.