Milan Sassuolo: una partita fondamentale

Milan Sassuolo è una sfida decisiva. Si va verso il pienone domani sera alle 18 a San Siro. I tifosi preparano una grande coreografia prima della partita. Nell’ambiente rossonero cresce l’entusiasmo e la Piatek mania. Il Milan ragiona anche in ottica derby per agganciare e superare i cugini in classifica. Gattuso non nasconde il desiderio di piazzarsi al terzo posto a fine campionato.

Milan Sassuolo: Gattuso concentrato

La sfida è molto delicata. Il Milan è in vantaggio così come si può leggere su portali specializzati come www.betworld.info. Tuttavia il Sassuolo non va sottovalutato. A ribadirlo il tecnico calabrese, sempre rispettoso di qualsiasi avversario. “Domani sarà una partita fondamentale”. “Non dobbiamo pensare a nient’altro”.

Ringhio presenta l’impegno del Milan contro il Sassuolo e chiede ai soi concentrazione. “La cosa più importante è che non dobbiamo pensare a quello che ci stiamo giocando. Abbiamo 14 partite, da considerare come finali. Dopo vediamo dove arriveremo”. Il mister ha parlato anche dei singoli. Su Suso: “Non è un problema”. Sulle voci di mercato attorno a Romagnoli: “E’ felice qui, sono sicuro che resterà”.

“I tifosi si convincono con le prestazioni e con i risultati”

Gattuso trova spazio per parlare del suo rapporto con la tifoseria. “Anche a Roma volevo ringraziarli, dovremo essere bravi noi a interpretare bene la gara, partire con il piglio giusto e con grande mentalità. Pensiamo a gara dopo gara. Contro il Sassuolo è una partita fondamentale per noi. A livello fisico stiamo bene, non dobbiamo pensare al derby, non dobbiamo pensare a quello che ci stiamo giocando. Ci aspettano 14 finali e dopo vedremo dove arriveremo”. Per Ringhio “i tifosi si convincono con le prestazioni e con i risultati”.

Il Milan sembra entrato in corsa

La squadra rossonera dopo avere archiviato la prima parte con Higuain, è risalita fino al quarto posto in classifica. Il Milan ora non intende fermarsi anche perché ha trovato nel Pistolero il bomber che mancava. Nel rendimento dei ragazzi pesa infatti moltissimo il calciomercato invernale che ha permesso di acquistare Piatek e Paquetà. A farne le spese in termini di titolarità è stato però Patrick Cutrone. Ciò potrebbe essere un problema per il club.

Milan: possibile cessione di Cutrone

La società è cosciente del valore di Patrick Cutrone ma il titolare è il polacco. Il Pistolero ha fatto subito breccia tra la tifoseria. Gattuso difficilmente potrà preferirgli Cutrone nel finale di stagione. Patrick a fine stagione potrebbe lasciare e fare le valigise. Su di lui ci sarebbe il Torino. Il giocatore piace anche a Claudio Lotito. Il Milan potrebbe usare Cutrone per arrivare a Milinkovic-Savic.

La valutazione del centrocampista serbo non è alta. Infatti è scesa da 100 a 60 milioni. L’inserimento di Patrick farebbe scendere notevolmente il saldo. La valutazione dell’attaccante rossonero sarebbe di 30 milioni. Quindi ne basterebbero altrettanti per portare il serbo a Milano.