Icardi deve stare fuori per come si è comportato

“Oggi Mauro Icardi deve stare fuori per come si è comportato, è giusto giochino gli altri”. E’ durissimo Luciano Spalletti al termine della partita, persa, contro la Lazio. “Mediare con un giocatore per farlo giocare e fargli vestire la maglia dell’Inter è umiliante. Verso i tifosi e i compagni. Il tecnico nerazzurro ha risposto così alla domanda sull’esclusione dell’argentino: “E’ una questione di credibilità”.

“Da quanto tempo che l’Inter non andava in Champions? E c’era Icardi. Quante partite abbiamo perso anche peggio di queste con lui in campo? Messi e Ronaldo fanno la differenza, ma ce ne sono pochi come loro. Basta andare a chiedere ad un tifoso dell’Inter se deve essere pregato per indossare questa maglia, è stato umiliante il fatto di dover trattare con un legale. Umiliante” sbotta il tecnico.

“La cosa che conta in un giocatore è la disciplina. Io devo far giocare chi lo merita. Spingete la parte che volete spingere. E’ una condizione di continuità quella dell’allenatore. Devi essere riconosciuto ed essere credibile, riconosciuto come uno che fa le cose giuste. Parlate di lui perché volete farvi il vostro film. Doveva stare una partita fuori, ora è di nuovo in gruppo”, ha aggiunto.

Icardi deve stare fuori per come si è comportato: la società approva

“Icardi? Spalletti ha agito nel migliore dei modi a tutela della società e nel bene dell’Inter”. Così Beppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter. Il dirigente ha quindi replicato all’avvocato Nicoletti, consulente della famiglia Icardi, che aveva detto di non essere stato avvisato della mancata convocazione dell’attaccante. “Pur rispettando la sua professionalità non può pretendere di sapere prima di tutti i convocati, sarebbe fantacalcio” ha detto Marotta. “L’inserimento di Icardi avviene gradualmente, il compito dell’allenatore è difficile ma bisogna riconoscergli il diritto di scegliere i giocatori da mandare in campo. Come se ne esce? Ne siamo già usciti, la situazione è già risolta”.

Wanda Nara tende ancora la mano

La moglie e agente di Icardi ha incassato e a Tiki Taka si è limitata a dire. “Mauro è abituato a sentire tante cose, lui vuole segnare e fare il bene dell’Inter”. Tutti si aspettano la convocazione per la sfida con il Genoa. “È pronto, ora dipende solo dalla scelta dell’allenatore”. In onda su Canale 5 l’argentina ha continuato. “A San Siro Mauro continuava a spingere la squadra come quando l’ha guardata in tv. Lui ci tiene molto ai compagni e non lo deve dire pubblicamente”.