Siti web usufruendo delle piattaforme gratuite, sono veramente efficaci?

Oggi vogliamo parlare dei servizi gratuiti di creazione di siti web, che negli ultimi anni sono letteralmente esplosi nella loro popolarità, tanto da arrivare a promuoversi in maniera massiccia anche con pubblicità in tv.

Per affrontare questo argomento abbiamo invitato la Eco Web una agenzia web, che quotidianamente lavora nel mondo digitale. Se hai provato servizi di creazione di siti web gratuiti ma non hai avuto un buona esperienza, ti consigliamo di richiedere una consulenza gratuita per la creazione di un sito web professionale.

Tornando nel focus di questo articolo, abbiamo richiesto l’opinione del Sig. Tullio Fiore CEO della Eco Web e SEO Specialist, sul reale valore delle piattaforme che permettono la creazione di un sito gratuitamente. A nostro avviso i portali come WIX.com o Weebly.com ( in rete si possono trovare altre piattaforme ), sono un ottimo strumento per iniziare a lavorare con il web o per meglio dire, capire quali siano le dinamiche che ruotano intorno ad internet e ai CMS che permettono la realizzazione di un sito.

Sito web Gratis

Quasi la totalità dei portali web dedicati alla creazione di siti, offrono il pacchetto base gratuito di creazione sito per provare il servizio er poi passare a un servizio premium, oppure rimanere online con il pacchetto base per sempre.

Le funzioni che vengono offerte sono davvero numerose anche se, occorre precisare che con il pacchetto base molte funzioni hanno ovviamente delle limitazioni ma immaginando un artigiano ( ad esempio ), che vuole avere una sua presenza on line, il pacchetto base risulta essere più che sufficiente per ottenere il risultato di un sito web gratuito.

Secondo il nostro punto di vista la possibilità di usufruire del servizio base gratuitamente è chiaramente e giustamente una operazione di puro marketing, in quanto riescono ad attrarre un grande numero di persone che con molta probabilità in molti acquisteranno successivamente i pacchetti premium a pagamento.

Pacchetto premium che rimane comunque una cifra relativamente bassa e dunque facile da affrontare per i loro clienti e il costo si aggira orientativamente sui 100,00 euro anno. La gestione del proprio sito web mediante queste piattaforme, avviene con una interfaccia drag & drop che permette mediante la trascinazione di immagini o template, le modifiche al proprio sito.

Upgrade del pacchetto base alla versione pemium

Come accennato precedentemente la versione base ha lo scopo di attrarre clienti per poi convogliarli nell’acquisto di un pacchetto premium, il quale offre servizi aggiuntivi per migliorare il sito. Il problema principale di queste piattaforme è che non si ha la piena autonomia del sito, perché il sito non avrà un suo univoco nome dominio e inoltre poggerà sui server delle piattaforme.

Questo renderà il sito sempre una succursale della casa madre e limiterà di molto le funzioni, modifiche importanti e sopratutto non sarai il vero proprietario del tuo sito.

Dopo questa nostra introduzione vi riportiamo lo scambio di opinioni avvenuto come accennato nel primo paragrafo con la Eco Web, in particolare con il suo CEO Tullio Fiore che si occupa quotidianamente di SEO.

Fiore cosa ne pensi di queste piattaforme gratuite di realizzazione siti web?

Ovviamente la Vostra introduzione è difficile da scardinare ed è quello che quasi quotidianamente ci troviamo a spiegare ai nostri clienti o potenziali clienti. Personalmente penso che siano un ottimo strumento per iniziare a capire le dinamiche del web, se così non fosse, queste piattaforme non avrebbero avuto il successo che ad oggi hanno.

Il problema sorge quando si decide di lavorare seriamente con internet e si vuole monetizzare con il lavoro digitale, che assicuro non funziona con la creazione di un sito gratis. I motivi sono molteplici e non esiste un motivo in particolare ma come il web ci insegna. Il successo di un sito non ha mai ( o quasi ), un unico elemento predominante ma è la concatenazione di azioni e strategie che lo portano al successo.

Anche il più semplice dei siti web come potrebbe essere la vetrina di una piccola azienda o libero professionista, dunque un sito vetrina, necessita di accorgimenti per poter avere un reale valore sul web.

Il discorso si complica ulteriormente se si vuole monetizzare con sito che propone la vendita on line di prodotti o servizi ( e-commerce ), certo si può provare con questi servizi gratuiti ma probabilmente ci vorrà pochissimo tempo per dirottare in una consulenza professionale di agenzie o freelance.

Qual’è secondo te il problema primario di queste piattaforme?

Il problema numero uno come accennato prima, consiste nel decidere se lavorare seriamente con il sito, oppure accontenttarsi di alcune pagine web online che nessuno con molta probabilità guarderà mai.

Se la strada del successo fosse rappresentato da questi servizi gratuiti, le web agency o comunque tutte le figure professionali che si sono formate con il web, non avrebbero senso di esistere. Dalla nascita del web fino ad arrivare ad oggi, si sono formate figure professionali, ognuna di esse fortemente preparate verticalmente sul loro settore. Basti pensare agli sviluppatori, grafici, esperti seo, web master giusto per citarne alcuni.

Il fatto di potersi creare un proprio sito gratuitamente anche senza competenze tecniche, è sicuramente positivo ma il maggior difetto è che si è totalmente dipendenti di questi colossi con una limitatissima possibilità di personalizzazione.

Il non personalizzar un proprio prodotto, il fatto di non poter rendersi unici per un determinato settore, probabilmente è il male assoluto e il risultato sarà quello di avere un sito che è la copia della copia.

Hai altro su cui vorresti accendere i fari ?

Diciamo che la deformazione professionale mi porta a dire che un altro grandissimo problema o limitazione consiste nell’ottmizzare e posizionare il sito sui motori di ricerca. La SEO che probabilmente a molti risulterà un termine nuovo è probabilmente la forma di web marketing più anziana da quando è nata la rete.

Un sito internet che non può essere posizionato su Google parte dalla nascita con un freno e se questo freno non si riesce a sbloccarlo i risultati saranno pari a zero.

Ovviamente nel web-marketing non esiste solamente la SEO, basti pensare ai servizi di sponsorizzazione che offrono Facebook, Instagram e lo stesso Google ma se si opta per una soluzione gratuita, difficilmente si investirà in azioni di marketing a pagamento.

Ragionando nuovamente su un e-commerse se esso non può essere ottimizzato e posizionato per determinate parole di ricerca, come si può pensare di poter vendere on line? Anche se fosse un sito vetrina di una azienda che propone servizi, se l’utente che effettua ricerche su Google per quel determinato servizio non visualizza il sito aziendale nella SERP di Google, chi richiederà mai il servizio ?

Per concludere consiglieresti queste piattaforme gratuite?

Assolutamente si se si vuole cominciare a divertirsi con il web, queste piattaforme sicuramente danno la possibilità anche ai non addetti al lavoro di smanettare con internet. In fondo come per ogni cosa nella vita, quando si decide di fare le cose serialmente e professionalmente, le scelte ricadranno su altre soluzioni.

Facendo un esempio molto semplice, se in casa ho il flessibile dello scaldabagno che perde, posso divertirmi a sostituirlo ma se mi occorre il rifacimento del bagno la scelta sarà quello di chiamare una ditta idraulica specializzata.

Non vedo alternative a questo.

Conclusioni

Bene lo scambio di opinioni si conclude qui e salutiamo Tullio Fiore ringraziandolo del tempo che ci ha dedicato. Dunque come ci ha anche confermato un SEO Specialist queste piattaforme sono utilissime per iniziare ma se si decide di fare le cose seriamente, non vi sono soluzioni, occorre affidare la costruzione di un sito web a professionisti del settore.