Udinese-Inter: vincere per approdare in Champions

Vietato sbagliare questa sera in Udinese-Inter. I friulani devono fare attenzione per non trovarsi invischiati nella zona retrocessione. L’Inter deve vincere per continuare la propria cavalcata verso la qualificazione alla prossima Champions League.

I nerazzurri, dopo il pari di sabato scorso al Meazza contro la Juventus, affrontano alle 20:30 l’Udinese alla Dacia Arena. Squadre in campo per l’anticipo della 35ª giornata di Serie A. L’Udinese di Tudor ora che ha tirato i remi in barca è stata risucchiata nelle sabbie mobili della zona retrocessione. All’andata finì 1-0 per l’Inter. I nerazzurri riuscirono infatti a portare a casa il risultato grazie al calcio di rigore trasformato da Mauro Icardi. Questo Udinese-Inter è decisivo per entrambe le formazioni.

Udinese-Inter: le probabili formazioni

Mister Tudor dovrà fare a meno dello squalificato Samir. Dovrebbe prendere il suo posto nei tre di difesa Nuytinck, rientrato in rosa dopo l’infortunio alla coscia che lo ha visto fermo per un mese. A centrocampo non ci saranno Behrami e Fofana, entrambi in infermeria. La mediana dovrebbe quindi essere composta da D’Alessandro e Zeegelaar sulle fascie e Mandragora, Sandro e De Paul a fare da cerniera con l’attacco che, salvo novità dell’ultim’ora, dovrebbe essere formato da Pussetto e Okaka.

Mister Spalletti invece si affida ancora al collaudato 4-2-3-1, che vedrà l’assenza però di Vecino. L’uruguagio è stato costretto a fermarsi a causa di una contrattura al retto femorale della coscia destra. Pertanto al suo posto al fianco di Brozovic sarà occupato da Gagliardini. Il solito tridente Politano-Nainggolan-Perisic agirà invece alle spalle dell’unica punta Lautaro Martinez, con Icardi che, almeno dall’inizio, dovrebbe partire in panchina.

Udinese (3-5-2): Musso; Stryger Larsen, De Maio, Nuytinck; D’Alessandro, Mandragora, Sandro, De Paul, Zeegelaar; Pussetto, Okaka. Allenatore : Tudor.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Gagliardini, Brozovic; Politano, Nainggolan, Perisic; Lautaro Martinez. Allenatore: Spalletti.

Arbitro: Rocchi di Firenze.