Gattuso carica il Milan: non possiamo smettere di crederci ora

Gattuso carica il Milan. Il mister aveva chiesto una prestazione di squadra e i giocatori hanno obbedito. Nulla di trascendentale. Ma quell’unità di intenti chiesta dal tecnico rossonero si è vista nel successo di Firenze. “La Fiorentina ti crea sempre problemi, con i giocatori veloci che si trova davanti. Nella ripresa abbiamo smesso di palleggiare e rischiato di subire il pareggio. Ma nessun giocatore mi ha tradito, oggi come in passato”.

La corsa per la Champions è ancora aperta, anche se il Milan deve ancora rincorrere l’Atalanta. “Mancano 6 punti, dobbiamo farli e ce la possiamo giocare. Da gennaio e fino a 20 giorni fa eravamo in Champions, abbiamo il rammarico per i punti persi, ma non possiamo certo smettere di crederci ora”.

Buona la prestazione di Bakayoko, dopo il litigio con il tecnico durante la gara con il Bologna. “Ho tanti difetti e pochi pregi, ma io non porto rancore. Non perdono solo chi non rispetta il gruppo, a me possono anche mandarmi a quel paese, poi si risolve. La cosa più importante è l’Ac Milan, non Rino Gattuso”. Ringhio commenta anche il momento di Piatek che non segna da oltre un mese. “Poteva attaccare meglio il primo palo in un paio di occasioni. Ma se vinciamo e non fa gol lui, a me frega poco”.