Abiti da sposa protagonisti sulle passerelle di Milano

Abiti da sposa sempre più al centro delle passerelle della moda milanese. Nonostante ci si sposi di meno, soprattutto nel capoluogo lombardo, il matrimonio rimane uno degli eventi più celebrati e a cui lavorano con passione gli stilisti e le aziende del settore. Ci sono atelier abiti da sposa come Wanda’s dress che da decenni operano nel mondo del matrimonio. Il loro compito è aiutare gli sposi a rendere unico il giorno delle nozze. Consigliano in particolare la futura sposa sull’abito da scegliere, sia in base alle proprie preferenze, sia alla forma del corpo. Ogni sposa è bellissima con l’abito giusto.

Abiti da sposa: la scelta

La scelta è dietro l’angolo, basta stabilire l’abito perfetto in base alla forma del fisico della futura sposa. L’abito si sceglie in relazione alla forma della silhouette. Nessuna donna è uguale all’altra. Quindi solo un abito su misura riesce ad esaltarne la bellezza. Un seno piccolo non va coperto, ma esaltato. Un seno grande non va ostentato a meno che non si voglia puntare sull’effetto provocazione.

Il look deve favorire la bellezza esaltando i tratti naturali. Una sposa a suo agio, felice e rilassata è anche la più bella. Per un fisico rotondo l’abito ideale ha una scollatura a V o a cuore. Esso non è né troppo attillato né troppo pomposo. Aiuta ad allungare la silhouette e a rendere più affusolata. Cintura alta e gonne scivolate sono le scelte più adatte. Chi ha un fisico rotondo ha le spalle tonde e più volume nella parte centrale del corpo. Per vestirsi al meglio, bisogna distogliere lo sguardo dal punto vita e spostare l’attenzione verso altri punti come le spalle o il seno. L’ideale è un abito da sposa in stile impero che evidenzi il seno e slanci la figura. Ma è possibile scegliere un abito dal taglio scivolato con una gonna svasata ad A o stile principessa con la gonna più ampia, così da mettere in evidenza il busto. Da evitare, invece, lo stile sottoveste.

Abito da sposa perfetto in base al fisico

Chiaramente questo è soltanto un esempio. Rivolgendosi ai professionisti del settore è possibile lasciarsi guidare nella scelta migliore. Vogliamo però chiudere accennando a come minimizzare i difetti. L’abito da sposa si sceglie in base alla forma del corpo di ogni donna. Concentrandosi su alcuni difetti fisici è possibile sempre minimizzarli.

Ad esempio chi ha fianchi larghi può optare per un modello a principessa. Così gli ampi volumi della gonna aiutano a mascherare fianchi e sedere. Si può anche puntare sui modelli a sirena. Questi con la loro forma a clessidra fasciano il corpo, ma restituiscono armonia con strascichi o code che partono dal giro vita.

Se mancano le forme o sono poco pronunciate la scelta dell’abito ricade sul punto vita valorizzando con un grande fiocco sotto il quale si apre una gonna ampia di satin. Si mettono in mostra la schiena e le gambe con aperture profonde o con un raffinato abito corto. Per chi ha un fisico longilineo, un abito sartoriale su misura potrebbe essere la scelta migliore.

 

Chi invece ha poco seno è possibile indossare qualsiasi tipo di scollatura, profondissima senza essere volgare. Se invece si vuole dare risalto alle forme si può puntare su un abito stile impero, che non fascia troppo il seno, ma anzi raccoglie il decolté.