Milano è un set sempre più richiesto da cinema, tv e per servizi fotografici

Milano è un set sempre più richiesto da cinema, tv e per servizi fotografici. Il Comune lo scorso anno ha rilasciato 717 autorizzazioni. Erano 342 nel 2010. Anche per i primi sette mesi del 2019 si conferma il trend, con 462 richieste.

I set preferiti sono Duomo, Galleria, Scala e Palazzo Reale (124 in questi primi mesi del 2019), i parchi e i giardini (122) e gli interni di palazzi, musei e biblioteche comunali (77). Gli introiti delle tariffe per le autorizzazioni, che vanno da 103 euro per le riprese fotografiche a 444 euro per le riprese televisive e cinematografiche, sono aumentate negli anni. Dagli oltre 60 mila euro del 2010, si è passati a 89.500 nel 2015, mentre il 2018 si è chiuso a quota 186 mila euro.

Milano è un set sempre più ambito nel 2019. Quest’anno sono aumentate anche le richieste di permessi per affissioni di messaggi pubblicitari negli spazi dedicati e in quelli sulle facciate dei palazzi in restauro. Tra gennaio e giugno sono state 2.255 le richieste di permessi: +63% rispetto allo stesso periodo del 2018, quando le richieste erano a quota 1.428. In crescita anche i relativi incassi per la tariffa comunale sulla pubblicità, che sono passati da 2,2 milioni di euro nel 2018 a 3.7 milioni di euro nel 2019 (un picco dovuto anche all’aumento dal 1° gennaio 2019 del 5% dell’imposta su alcune tipologie).