Conte: l’Inter è una società gloriosa che non può permettersi solo di partecipare

Conte non ci sta. Si dice “preoccupato”. Il pareggio contro il Parma ha impedito il sorpasso dei nerazzurri sulla Juventus e ha innervosito il mister salentino. Antonio Conte vuole parlare con la società.

Ha una rosa decimata. Out Sensi, D’Ambrosio, Sanchez, Vecino più De Vrij e Aasamoah non al meglio. Così il mister non può fare turnover in una fase crucuale. “E’ la terza partita e stanno giocando bene o male gli stessi. A Brescia dovrò giocare con gli stessi e sarà la quarta partita. Sono un po’ preoccupato”. Così Antonio Conte a Sky. “Siamo solo alla terza partita e ne avremo altre quattro, diventa difficile fare Champions e campionato con una rosa ridotta ai minimi termini. Il rischio infortunio è alto ed è giusto un attimo fermarsi e fare valutazioni attente”.

L’ex ct azzurro sottolinea che “l’Inter è una società gloriosa che non può permettersi solo di partecipare”. “De Vrij aveva un problema agli adduttori, Asamoah al ginocchio. Stiamo inevitabilmente puntando su giocatori giovani come Bastoni ed Esposito ma per tutto ci vuole una crescita, altrimenti si rischia di bruciarli. Dobbiamo fare delle valutazioni con la società e capire dove si può far meglio”.