Dacia Duster, l’auto del decennio diventa green

Quando si parla di automotive, ci si può imbattere anche in modelli dal successo travolgente, e sorprendente. Alcuni di questi riescono a ottenere un successo su tutta la linea in grado di durare per anni, altri emergono all’improvviso come vere e proprie sorprese. Outsider capaci, alle volte, di scalzare anche i modelli storici dalle vette delle classifiche. Per le strade delle grandi città se ne vedono girare tantissime: da Roma a Milano, la Dacia Duster è un must.

Questo modello appartiene proprio alla seconda categoria, come fra l’altro testimoniano i dati emersi sulle vendite in Italia. Stando ai report ufficiali, infatti, la Duster è riuscita addirittura a detronizzare alcune vetture cult come la Renault Clio e la Fiat 500X. Ci troviamo quindi di fronte ad un risultato per certi versi sorprendente, che in pochi avrebbero mai immaginato, e che spinge la Duster terza in classifica dopo la Fiat Panda e la Lancia Ypsilon, con quasi 44 mila immatricolazioni nel 2019 (+16 mila unità).

Dacia Duster, storia di un successo

Il brand rumeno, nato come low cost e oggi sulla cresta dell’onda, rappresenta un palese esempio di successo non annunciato. Una sorpresa che in pochi anni è riuscita a scalare le gerarchie, toccando vette ritenute impossibili, e per merito delle sue numerose ambizioni. Ad oggi questo marchio gravita nell’orbita di Renault, e può contare su un incremento del +40% e su una quota di mercato del 4,2%. A riprova della sua incredibile ascesa, come anticipato poco sopra, oggi la Dacia Duster può fregiarsi del titolo di SUV più venduto in Italia, scavalcando un concorrente a dir poco agguerrito come la Fiat 500X.

Si tratta di una scalata che deve il suo successo ad un fattore principale: la spiccata convenienza in termini di rapporto fra qualità e prezzo. Gli allestimenti proposti sono molto competitivi, si possono trovare anche sul web, ad esempio sulla scheda della Dacia Duster sul sito di Quattroruote. Le possibilità sono molte: dalla Duster 1.0 TCe 100 CV 4×2 Access, si passa a quella Essential, fino ad arrivare alla Comfort, la più accessoriata.

La Dacia Duster diventa GPL (e green)

La Duster di recente è diventata anche GPL, aggiungendo un’anima green alla vettura e mantenendo allo stesso tempo tutte le peculiarità positive del modello originale. Ci si trova infatti di fronte ad un veicolo molto spazioso e confortevole, con un prezzo da record, e con costi di gestione decisamente inferiori alle medie di mercato. Quali sono le sensazioni che regala su strada? Al volante la Duster si dimostra facile da guidare e in grado di affrontare anche terreni abbastanza impervi. Certo, non ha la trazione integrale, però gli ammortizzatori di qualità consentono comunque di ottenere delle performance di tutto rispetto. Inoltre è una vettura molto versatile, visto che si adatta senza problemi alla mobilità cittadina.

Il futuro di Duster è elettrico (e low cost)

Elettrica ma low cost? Sembra un paradosso, eppure la Duster riuscirà anche in questa missione. Si fa riferimento ad un futuro che vede la commercializzazione di una versione 100% ad alimentazione elettrificata, con una nuova gamma di veicoli che dovrebbe vedere la luce nel 2022-2023. Si parla di veicoli che, stando alle dichiarazioni ufficiali, riuscirebbero ad offrire le medesime prestazioni dei concorrenti, ma ad un costo inferiore del 20%. Anche il futuro, dunque, non smentirà la filosofia di Dacia: continuare a stupire il mercato.