Milan. Pioli suona la carica: le somme vanno tirate alla fine

Si riparte e tante squadre dovranno rimettersi in carreggiata ad iniziare dal Milan che punta ad entrare in Europa. Si dimostra fiducioso il mister Pioli che sottolinea come “le somme vanno tirate alla fine”. Il tecnico evidenzia che “i punti che hai sono quelli che hai meritato. Dispiace perché in certe occasioni avremmo meritato risultati diversi, ma se non sono arrivati qualcosa abbiamo sbagliato. Speriamo di non ripetere certi errori, per un finale di stagione diverso”.

Stefano Pioli in conferenza stampa pone l’accento sulla ripresa che “sarà una cosa diversa rispetto al campionato fino all’8 marzo. La squadra è motivata, puntavamo molto sulla Coppa Italia. Siamo dispiaciuti per l’eliminazione. Siamo concentrati e motivati, siamo il Milan: un club prestigioso”.

Pioli ammette che il Milan ha dei limiti che però vanno superati. “Non siamo il quarto peggiore attacco del campionato perché non abbiamo creato, ma perché abbiamo una delle percentuali di realizzazione più basse. Dobbiamo migliorare in questo. Saranno gli episodi a fare le differenze, fare un gol in più sarà sempre più determinate. Dobbiamo migliorare questo dato”. “Oggi non siamo in Europa, ma anche se lo fossimo può cambiare tutto in 40 giorni. Sarebbe un peccato terminare la stagione in questa posizione, dobbiamo riprenderci velocemente. Non abbiamo un calendario facile ma abbiamo dimostrato di potercela giocare con chi ci sta davanti. Abbiamo dimostrato di avere qualità e sacrificio, domani è una partita molto importante”.

L’allenatore è sereno rispetto al suo futuro. “Per quanto mi riguarda non mi farò condizionare dalle voci, ma credo sia lo stesso per i giocatori. Siamo professionisti, soprattutto perché mancano 40 giorni e non possiamo farci distrarre. Abbiamo un grande obiettivo da rincorrere, la nostra posizione in classifica non rispecchia le nostre qualità e abbiamo la possibilità di dimostrarlo. Poi chi dovrà decidere deciderà, ma non si decide mai da soli. Il futuro di tutti gli allenatori passa da questi 40 giorni, tutti possono essere in discussione. Viviamo di risultati”.

Pioli ha tenuto il punto sulla condizione dei singoli. “Sono i 3 giocatori che non saranno convocati. Ibra sta meglio, avrà un altro controllo la prossima settimana. Sta lavorando con grande dedizione ed impegno. Per Musacchio purtroppo la stagione credo che possa essere terminata. Duarte potrebbe essere disponibile per la prossima gara”. Su Leao, Colombo e Maldini. “Che io voglia di più da Leao sicuramente sì. Deve essere più consapevole delle sue potenzialità. Colombo è molto giovane ma ha belle qualità, come Daniel. Abbiamo giovani di prospettiva che hanno qualità e potenzialità per essere giocatori da Milan. Ci sono delle buone caratteristiche sulle quali lavorare”.