Un autogol di Vicari salva il Milan da una sconfitta immeritata

Che sfortuna! Perdere per strada punti preziosi. Solo un autogol di Vicari in pieno recupero salva il Milan da una sconfitta immeritata. Al Mazza di Ferrara finisce 2-2 con gli uomini di Pioli costretti a rimontare il doppio svantaggio del primo tempo. Il risultato rischia di rovinare la rincorsa al quinto posto degli uomini di Pioli che dopo quattro mesi ritrovano Zlatan Ibrahimovic. Ibra entra nell’ultima mezz’ora, con la squadra sotto di due reti.

È stato un primo tempo da incubo per il Milan che dopo un buon avvio ha dovuto inseguire i padroni di casa già dal 13′ quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa ha dormito. Vanoli in mischia ha superato Donnarumma. Al 30′ Floccari si inventa una magia. Calcio in drop dai 30 metri, Donnarumma è fuori dai pali e non può arrivare sul pallone che si infila sotto l’incrocio. Sotto di due gol, il Milan non molla. Al 37′ Calhanoglu va in gol, ma Mariani, dopo la segnalazione del Var, annulla la rete per fuorigioco di Rebic. Al 43′ la Spal rimane in 10 per l’espulsione di D’Alessandro per un brutto fallo ai danni di Theo Hernandez. Pochi istanti dopo Calhanoglu da fuori colpisce il legno alla destra di Letica. Nel recupero gran tiro al volo di Calabria che sfiora il palo più lontano.

Nel secondo tempo milanisti tutti nella metà campo avversaria. E’ Paquetà il più attivo. Al 58′ Vicari salva sulla linea evitando il tap-in facile di Leao. Al 65′ arriva il momento di Ibrahimovic e dalla fasce Saelemaekers e Laxalt, subentrato a Theo Hernandez, lo cercano in ogni modo. Da un traversone dell’ex Genoa arriva il gol di Leao. Destro di precisione che lascia di stucco Letica. Il 2-1 alimenta le speranze di rimonta del Milan che ci prova sbattendo contro il muro di maglie ferraresi. In pieno recupero Vicari, su un cross laterale di Saelemaekers, nel tentativo di deviare in scivolata la palla in angolo, beffa il proprio portiere col più classico degli autogol. Alla fine non c’è più tempo. La Spal recrimina per tre punti persi nel recupero, il Milan per una partita sfortunata in cui avrebbe meritato di vincere.