Apparecchio invisibile: come funziona e quando è consigliato

Un tempo avere i denti storti o sporgenti era un vero e proprio incubo, perché non esistevano delle soluzioni che permettessero di risolvere il problema senza creare un disagio estetico importante. In passato infatti esistevano solamente gli apparecchi fissi, che oltre ad essere bruttissimi da vedere e rovinare il sorriso erano anche poco igienici. Oggi però le cose sono cambiate, perché ormai da diversi anni è disponibile presso i migliori dentisti l’apparecchio invisibile. Si chiama Invisalign e probabilmente molti di voi ne hanno già sentito parlare, ma vale la pena capire meglio come funziona e in quali casi si può utilizzare per ottenere un sorriso perfetto.

Apparecchio invisibile: com’è fatto

L’apparecchio invisibile Invisalign si trova solo presso i professionisti più seri ed aggiornati. Ce ne sono alcuni particolarmente consigliati perchè specializzati in ortodonzia per adulti a Milano. Conviene dunque rivolgersi agli studi di qualità, perché si tratta di un trattamento che deve essere effettuato con tutti i dovuti crismi.

Questo apparecchio è composto da allineatori trasparenti, che vanno indossati “ad incastro” e una volta messi non si notano nemmeno se non da distanze estremamente ravvicinate. Sono molto sottili, quindi non creano fastidio o problemi di alcun tipo per quanto riguarda la masticazione e sono decisamente discreti.

Va precisato subito che l’apparecchio invisibile però deve essere realizzato su misura, prendendo l’impronta dei denti del paziente. Conviene dunque diffidare dai vari siti che propongono questo genere di allineatori a prezzi economici: affinché siano efficaci e sicuri è necessario l’intervento di un dentista che li crea su misura.

Come funziona l’apparecchio invisibile

L’apparecchio Invisalign deve essere realizzato dal dentista, che prima di tutto effettua uno studio della bocca servendosi di un software in grado di realizzare un’animazione 3D. Le mascherine vengono quindi create in base alla forma delle arcate del paziente, in modo completamente personalizzato.

Va detto che questo apparecchio non è unico: è composto da un set di mascherine che devono essere sostituite ogni 2 settimane circa. Indossandole, i denti si allineano correttamente in modo lento e graduale, senza provocare dolore o fastidio.

La durata del trattamento con Invisalign ha una durata variabile, che dipende dal tipo di correzione che deve essere effettuata ed è quindi soggettiva. Può andare da un minimo di 6 ad un massimo di 18 mesi, al termine dei quali non occorre più indossare le mascherine perché i denti risultano perfettamente allineati.

Invisaling: quando è indicato questo apparecchio

L’apparecchio invisibile permette di correggere i problemi di malocclusione ed altri difetti come denti storti o sporgenti. Tuttavia non è adatto a tutti, dunque conviene sempre effettuare una visita accurata da un dentista serio e professionale, che sia in grado di dare tutti i suggerimenti del caso.

I vantaggi di Invisalign

Questo apparecchio è ormai la soluzione più gettonata e consigliata dagli stessi dentisti, perché innanzitutto è invisibile e dunque non compromette l’estetica del sorriso come fa al contrario l’apparecchio fisso classico. Oltre a questo però Invisaling si può rimuovere, il che consente di lavare i denti senza problemi ed evitare che residui di cibo rimangano incastrati nelle mascherine. Non provoca dolore e nemmeno fastidio, dunque è decisamente più confortevole di un qualsiasi apparecchio tradizionale.