Palazzo Marino richiama il maggior numero dei suoi quasi 15 mila impiegati in ufficio

Il Comune richiama Il maggior numero dei suoi quasi 15 mila impiegati in ufficio. Era stato lo stesso sindaco Beppe Sala ad invitare Milano a uscire “dalla grotta” dello smart working. Una necessità, pure per non rischiare di creare un deserto sociale ed economico in quartieri senza più dipendenti in pausa pranzo e in giro a vivere i luoghi di cultura.

Palazzo Marino segna le tappe della ripresa di settembre con un piano di rientro al lavoro in presenza. Che tuttavia prevederà orari di ingresso più flessibili, con la possibilità di timbrare il cartellino fino alle 11 e di recuperare le eventuali ore mancanti anche al sabato. Un nuovo ritmo della città, che si trasforma in un invito alle grandi aziende private per arrivare davvero, dice l’assessora alle Politiche per il lavoro Cristina Tajani, “ad avere orari sempre meno collettivi e sempre più individuali o per gruppi”.