Salute della bocca, se le gengive cambiano colore

Molti pazienti si guardano allo specchio quando si lavano i denti e passano il filo interdentale. È anche molto comune sorridere e ispezionare i denti dopo una buona pulizia, per vedere se è stata rimossa tutta la placca.

Le gengive sane sono di colore rosa e sode al tatto. Se di recente hai notato che le tue hanno cambiato colore, è possibile che la colpa sia dei normali cambiamenti ormonali o degli innocui effetti collaterali delle procedure orali. In alcuni casi però, potresti avere una condizione di salute sottostante, ma avrai bisogno di una diagnosi dal tuo dentista per esserne sicuro.

In questo articolo ti spieghiamo alcune possibili cause di cambiamenti di colore delle gengive.

Gengive rosse: quali sono le cause?

Il caso più diffuso è notare che le gengive passino dal colore rosa al rosso e che sanguino quando si usa lo spazzolino o il filo interdentale. Se oltre a questo noti alcuni sintomi con ulcere orali e alitosi, potresti essere nelle fasi iniziali di una malattia gengivale o parodontale.

Questa condizione si sviluppa se si ha una scarsa igiene dentale, che porta alla formazione di placca sui denti. La placca contiene batteri che rilasciano tossine irritanti, le quali causano l’arrossamento e l’infiammazione delle gengive.

Sebbene le malattie gengivali siano una probabile causa delle gengive rosse, non è l’unica possibilità. I cambiamenti ormonali possono causare l’arrossamento delle gengive, ma solo temporaneamente. Ad esempio, durante la pubertà, i ragazzi e le ragazze possono notare cambiamenti di colore delle loro gengive. Quindi, le donne possono avere le gengive gonfie e rosse durante il loro ciclo mestruale, la gravidanza o in menopausa. Visite regolari dal dentista e una buona igiene orale a casa sono importanti per proteggere la bocca durante tutte le fasi della vita.

Se noti qualche cambiamento dovresti immediatamente chiamare il tuo dentista e prendere un appuntamento per scongiurare una malattia parodontale.

Cosa causa le gengive nere?

Come con gli altri cambiamenti di colore delle gengive, l’annerimento può essere innocuo ma può anche portare preoccupazione.

Ci sono vari motivi per cui le gengive possono diventare nere o viola: Dentalpharma come prima causa ci evidenzia una maggiore concentrazione di melanina. Questo pigmento scurisce la pelle e fa sì che le gengive di alcune persone appaiano naturalmente nere o marroni.

È possibile inoltre che i cambiamenti ormonali durante la gravidanza facciano scurire le gengive, una causa innocua anche questa. Oppure dopo l’otturazione di un dente, l’aspetto delle gengive potrebbe prendere naturalmente la colorazione nera, blu o grigia. Questa causa non richiede alcun trattamento perché non presenta rischi per la salute.

Tuttavia, ci sono molti altri motivi per cui le gengive diventano nere che richiedono invece cure mediche. Alcune potenziali cause alla base di questi cambiamenti di colore delle gengive sono il fumo, che può causare la melanosi del fumatore, una condizione che fa sì che le gengive, l’interno delle guance e il labbro inferiore sviluppino macchie scure. Un’altra causa è la gengivite ulcerosa necrotizzante: un’infezione gengivale che causa gengive nere o grigie.

Il trattamento per le gengive nere dipenderà dalla causa sottostante. Condizioni come infezioni gengivali richiedono solitamente un trattamento con farmaci.

Ho le gengive bianche: è grave?

Di solito, le gengive di colore chiaro segnalano una condizione di salute sottostante. La colpa può essere di una serie di problemi, quindi se hai le gengive bianche, dovresti parlare con il tuo dentista per aiutarti a individuare la causa. Tra i possibili motivi per cui hai notato questi cambiamenti di colore c’è la gengivite, un’infezione batterica delle gengive che può farle diventare bianche, oppure la candidosi orale, un’infezione da lievito della bocca che appare bianca o rossa.

Altre cause di gengive bianche sono la leucoplachia, la quale si manifesta con macchie bianche ispessite che si formano sulle gengive, all’interno delle guance e sul fondo della bocca, oppure l’anemia, una condizione medica che causa un basso numero di globuli rossi che può far sembrare la pelle e le gengive pallide.

Oltre a questi problemi di salute, le gengive bianche possono anche essere il risultato di procedure dentali. Se viene estratto un dente, le gengive vicino al sito interessato possono diventare pallide per un po’, a causa del trauma. Il colore dovrebbe tornare alla normalità dopo alcuni giorni. Le gengive possono anche schiarirsi temporaneamente dopo lo sbiancamento dei denti in studio, ma dovrebbero tornare al loro colore abituale dopo un paio di ore.

Il trattamento e il numero dei sintomi variano a seconda della causa delle gengive pallide, ma ti consigliamo di consultare sempre il tuo dentista per la diagnosi e la conseguente cura adatta al tuo problema.

Suggerimenti per avere gengive più sane

Praticare una buona igiene orale è il modo più semplice per mantenere le gengive sane e per evitare cambiamenti di colore. Alcuni suggerimenti possono aiutarti a mantenere una buona igiene dentale, come ad esempio:

  • lavarsi i denti due volte al giorno;
  • usare il filo interdentale ogni giorno;
  • sciacquare la bocca con un prodotto contenente fluoro una o due volte al giorno;
  • lavarsi i denti dopo aver consumato cibi o bevande zuccherate;
  • rispettare le visite dal dentista;
  • smettere di fumare.

Se per la prima volta noti un cambiamento di colore nelle gengive, chiama immediatamente il tuo dentista. Le gengive sane infatti hanno sempre una tonalità rosata: non dovrebbero mai apparire rosse, sanguinanti, gonfie, nero o bianche!