Per il Milan tutto rinviato alla gara con l’Atalanta: la Juve rimane alla finestra

Sembrava tutto facile: battere il Cagliari e festeggiare il meritato ritorno in Champions a 7 anni dall’ultima volta. Ma il Milan s’è complicato la vita. Ora i ragazzi di Pioli devono battere l’Atalanta a Bergamo all’ultima giornata. Infatti Juve e Napoli se la vedranno con Bologna e Verona, squadre che al campionato hanno nulla da chiedere.

Anche il Cagliari ieri sera aveva ottenuto la salvezza matematicamente nel pomeriggio grazie al pareggio del Crotone a Benevento. Ma il Diavolo ha sottovalutato i sardi e non è mai entrato in partita. Il pareggio invece obbliga a battere l’Atalanta per essere certi di tornare in Coppa dei Campioni.

San Siro è stato un tabù in questa stagione con solo 8 vittorie in 19 partite. Senza Ibra, il Milan per tutto il primo tempo ha girato a vuoto: Calhanoglu non pervenuto, Rebic solo, Hernandez spaesato. Il Diavolo ringrazia Donnarumma che salva in più occasioni. Plastica la scena di Ibra che dalla panchina urla come un Diavolo!

“Sono mancati ritmo e qualità, c’è grande delusione, ora pensiamo solo all’Atalanta” afferma deluso mister Pioli. Ora contro l’unica squadra che il suo Milan non ha mai battuto in questo ciclo, serve il vero Milan, quello che ha chiuso all’andata campione d’inverno!