Correggere una bozza: un mestiere in netta evoluzione

C’è sempre più richiesta di correttori di bozze per tutto ciò che riguarda la manualistica, le tesi universitarie e ovviamente la narrativa connessa al selfpublishing

E’ soprattutto grazie all’ascesa di quest’ultimo fenomeno che la correzione delle bozze di alcuni prodotti di narrativa ha preso il largo in un modo del tutto impensabile circa un decennio fa. 

Vediamo i connotati di questo fenomeno e perché fare il correttore di bozze può essere un mestiere da tenere in considerazione in futuro e quali sono i requisiti migliori per procurare un buon servizio ai propri Clienti.

Correzione di Bozze: l’editoria classica lascia il posto al selfpublishing

Un tempo la correzione di bozze era parte integrante del processo di pubblicazione di un romanzo; era l’editor che la casa editrice aveva ingaggiato alla fine del processo di selezione di un manoscritto a procedere alla correzione della bozza, appaltando il tutto ad un correttore di bozze vero e proprio o agendo lui stesso.

Quando il testo era perfetto, ecco che si passava allo step successivo quello relativo alla pubblicazione. Un mestiere, quello del correttore di bozze che viveva “agganciato” ad un settore comunque elitario, quello dell’editoria. 

Oggi, complice l’ascesa dell’editoria online indipendente, soprattutto nella forma tipica del selfpublishing, quindi autori che autonomamente pubblicano libri su Kindle Store di Amazon o in altre piattaforme per intenderci, ecco che correggere una bozza è diventata una professione molto più comune e dunque molto richiesta non solo in ambito manualistica, tesi universitarie e altri testi vari.

Correggere una bozza non è fare l’editing di un libro 

Correggere una bozza è dunque un qualcosa di completamente diverso dall’editing di un libro, questo concetto deve essere sottolineato perché ancora oggi c’è confusione sul punto: l’editing di un libro interviene in modo concreto sul “merito della faccenda”, pertanto sul carattere dei personaggi, sull’ambiente del romanzo, ecc. La correzione di una bozza non può far altro che prendere in considerazione unicamente queste 3 cose: 

  • errori di punteggiatura
  • errori di sintassi
  • errori grammaticali
  • errori di battitura


La revisione di un testo effettuata da un correttore di bozze come potete intuire è totalmente diversa da quella effettuata da un editor. 

Prezzo Corrente Correzione di Bozze

Quando si cerca una correzione di bozze professionale non si può pensare di risparmiare: la correttezza di un testo, specie quando intendiamo pubblicare su Amazon, su IngramSpark e su altre piattaforme online è un biglietto da visita per l’autore oggi di fondamentale importanza.

Ci sono siti internet oggi come Fiverr e UpWork che offrono correzioni di bozze a 1 euro a cartella, poi ci sono professionisti che offrono un servizio più completo e di consulenza vero e proprio che effettuano una correzione di bozze per una fascia di prezzo compresa tra 4 – 7 euro a cartella. 

Un servizio professionale: cosa deve saper fare il correttore di bozze “moderno”

Oggi un correttore di bozze moderno, oltre ad essere rapido e ad avere un’ottima conoscenza della lingua italiana, deve conoscere tutte le dinamiche del selfpublishing, non solo, deve avere competenze di SEO Copywriting (molti testi da correggere sono comunque pubblicati online e pertanto devono comunque essere SEO oriented) e deve comunque avere un’adeguata dimestichezza anche nell’editing di un manoscritto.
E’ un mestiere semplice? Non impossibile di certo, ci vuole  molta pazienza, dedizione e un certo tipo di intraprendenza se si considera che per lavorare oggi come correttore di bozze di solito si intraprende una carriera freelance, dove il rapporto con il Cliente così come l’acquisizione di nuovi Clienti sono due cose che non possono prescindere da capacità interpersonali, di marketing e di comunicazione.