Brahim Amine Ben Faresse e Driss Ouaissa morti a Paladina: travolti mentre litigavano in strada

Un incidente stradale è costato la vita a due ventenni: Brahim Amine Ben Faresse e Driss Ouaissa. I due residenti a Bergamo, sono stati travolti da un’auto a Paladina lungo l’ex statale della Valle Brembana, all’uscita di un locale. L’impatto mortale è avvenuto nella notte. I due giovani, entrambi di origine marocchina, sono stati soccorsi ma per loro non c’è stato nulla da fare.

Il guidatore che li ha investiti è un sessantenne della zona. Il conducente è stato denunciato per omicidio stradale ma anche per fuga. Infatti dopo l’impatto si è allontanato con la sua Volkswagen Golp per poi ritornare sul posto solo tre quarti d’ora dopo. Brahim Amine Ben Faresse e Driss Ouaissa sono stati travolti mentre erano a terra, e la sua auto non presentava segni di impatto sul parabrezza o sulla carrozzeria anteriore, ma solo nella parte sottostante. La macchina è stata sequestrata mentre il sessantunenne è risultato avere un tasso alcolemico inferiore a 0,5 grammi per litro, la soglia di tolleranza prevista dal Codice della strada.

Brahim Amine Ben Faresse, 24 anni, e Driss Ouaissa, 21 anni, vivevano a Bergamo, non lontano uno dall’altro. Il ventiquattrenne era nato in Marocco, il più giovane a Bergamo. Da quanto ricostruito dalla polizia stradale sulla base di alcune testimonianze, pare che i due, al momento dell’investimento si trovassero sdraiati a terra, dov’erano finiti per una lite. Uno dei due è morto sul colpo, l’altro dopo all’incirca mezz’ora di tentativi di rianimazione da parte del 118. Il pm di turno Emanuele Marchisio ha disposto l’autopsia su entrambi i corpi, che sono stati trasferiti alla camera mortuaria dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.