Il consiglio comunale approva l’ingresso in MUSA

Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la partecipazione del Comune di Milano in Multilayered urban sustainability action (MUSA), società che si dedicherà ad attività di ricerca, sviluppo e innovazione e a cui Palazzo Marino partecipa con la Regione Lombardia, quattro università milanesi, il Consiglio nazionale delle ricerche, alcuni soci privati: Fondazione Cariplo, Fondazione Riccagioia, Eni, Edison, A2a e Thales Alenia space Italia. Il progetto di Musa, che avrà la forma giuridica di Società consortile a responsabilità limitata, è stato promosso dall’Università degli studi di Milano Bicocca, l’Università degli studi di Milano, Bocconi e Politecnico ed è finanziato con fondi del PNRR, destinati dal Ministero dell’Università e della Ricerca alla creazione di “Ecosistemi dell’innovazione” sul territorio: reti di atenei, enti pubblici locali e di ricerca e altri soggetti pubblici e privati altamente qualificati che possano rafforzare la collaborazione tra ricerca, sistema produttivo e istituzioni territoriali.

Le università milanesi hanno richiesto al Comune di supportare la proposta, che a maggio è stata ammessa al finanziamento. Il progetto punta a creare un ecosistema scalabile a livello regionale e nazionale a partire da Milano, che favorisca l’innovazione e la competitività. Gli obiettivi riguardano la sostenibilità ambientale e l’inclusione sociale, con la sperimentazione di nuove soluzioni di economia circolare, lo sviluppo di soluzioni digitali per la salute e il benessere dei cittadini e la finanza sostenibile.