Arch week Milano al centro dell’architettura

L’architettura del futuro è il tema centrale della seconda edizione di Arch week. L’appuntamento si svolge a Milano. Si tratta della settimana di eventi dedicata all’architettura. A promuoverla palazzo Marino insieme al Politecnico e alla Triennale di Milano. L’evento si avvale anche della preziosa collaborazione con la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Arch week Milano 2018

Ospiti nazionali ed internazionali saranno presenti all’evento il cui inizio è previsto nella giornata odierna. Direttore artistico della manifestazione è il presidente della Triennale, Stefano Boeri. “Milano nei suoi momenti migliori ha sempre saputo esprimere un’architettura avanzata” ha dichiarato. “E’ successo negli anni ’30, nei ’60 e oggi, e tra 100 anni chi vorrà capire questa fase travagliata dovrà studiare le architetture di Milano”. Per il presidente l’appuntamento si configura come “una scuola popolare sul futuro”.

Il futuro dell’architettura

La parola chiave è “futuro”. Su questa ha puntato l’accento l’assessore milanese alla Cultura Filippo Del Corno. “Spesso un’iniziativa come la Milano Arch Week non solo registra l’esistente, non solo lo descrive e analizza, ma progetta il futuro”. Per Del Corno l’evento si interessa del futuro “lo prospetta, lo richiama, lo prova a immaginare. E io credo che sia un elemento cruciale anche per capire in quale maniera oggi le istituzioni culturali oggi possono giocare un ruolo da protagonista all’interno dello sviluppo sociale di una comunità”.

Gli ospiti

Sono attesi a Milano architetti tra i più importanti al mondo, da Jacques Herzog a Bjarke Ingels. Ad aprire la settimana di eventi la lecture di Massimiliano Fuksas e Alberto Campo Baeza, che si terrà oggi 23 maggio presso il Politecnico. Per avere maggiori dettagli è possibile consultare il portale dedicato milanoarchweek.eu.

Urbania, uno sguardo sul futuro delle città questo il titolo dell’edizione 2018 di Milano Arch Week dal 23 al 27 maggio. Un ricco palinsesto di conferenze, workshop, installazioni, mostre, performance, eventi aperti alla cittadinanza per riflettere insieme sul futuro della città e sulle dinamiche dell’architettura contemporanea, un’occasione di diffusione sul territorio e attivazione delle principali istituzioni culturali cittadine, con i maestri internazionali dell’architettura e i giovani architetti emergenti.