Pietro Maria Pasqualone morto a 31 anni a Livigno

E’ finita in tragedia la trasferta di Pietro Maria Pasqualone. Il turista milanese di 31 anni è morto sabato pomeriggio sulla pista nera della ski-area del Mottolino, a Livigno (Sondrio).

Lo sciatore Pietro Maria Pasqualone era un ingegnere. Il trentenne non aveva il casco peraltro non obbligatorio. Il meneghino ha perso il controllo degli sci finendo per schiantarsi contro la neve.

Il ragazzo è stato soccorso subito dai poliziotti-sciatori in servizio nel comprensorio sciistico, poi è stato affidato all’equipe sanitaria dell’eliambulanza del 118. La vittima dell’incidente è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Morelli di Sondalo, dove i medici hanno cercato di salvarlo. Purtroppo non c’è stato nulla da fare ed è morto poco dopo. La Procura di Sondrio, guidata da Claudio Gittardi, ha aperto un’inchiesta.