Epatite A nella materna ai Navigli: ipotesi contagio nei bagni

Epatite A nella materna ai Navigli. Infettati due bambini e un’insegnante. I due piccoli sono stati ricoverati in ospedale. Il caso si è verificato in una scuola materna in zona Navigli. Qui sono stati diagnosticati tre casi di epatite A. I casi sono stati segnalati all’Ats (Agenzia di tutela della salute) che ha attivato un ambulatorio. Qui tra oggi e lunedì verrà somministrato il vaccino contro la malattia a un centinaio di persone, tra i bambini iscritti alla materna e il personale. La somministrazione è gratuita.

Epatite A nella materna ai Navigli: cosa sappiamo

Il primo caso a essere stato diagnosticato è quello dell’insegnante, a fine aprile. Negli ultimi due giorni, poi, anche i due bimbi hanno iniziato a manifestare i sintomi. Quindi sono stati ricoverati alla clinica pediatrica De Marchi e all’ospedale San Paolo. Questo poiché piuttosto disidratati, ma non in pericolo di vita.

L’epatite A procura vomito, diarrea, debolezza, disidratazione. Questo virus, a differenza di altre forme, non cronicizza. Può essere contratto solo una volta nell’arco della vita. L’ipotesi – scrive Repubblica – è che “i due bambini e la maestra si siano contaggiati usando i bagni della scuola: l’epatite A si trasmette infatti per via oro-fecale”. Uno dei veicoli del virus possono essere gli alimenti crudi, come il pesce e i frutti di mare.