Felice Gimondi è morto: addio ad uno protagonista del ciclismo italiano

Felice Gimondi è morto a 76 anni. E’ stato uno dei protagonisti assoluti del ciclismo italiano, vincitore del Tour de France nel 1965 e di tre Giri d’Italia, nel 1967, ‘69 e ‘76. L’ex campione si trovava in vacanza con la moglie. Stava facendo il bagno a Giardini Naxos, quando ha avuto un malore improvviso.

Felice Gimondi era nato a Sedrina il 29 settembre 1942 e nei suoi anni da professionista, dal 1965 al 1979, ha ottenuto complessivamente 118 vittorie. Ha conquistato per tre volte il Giro d’Italia (nel 1967, 1969 e 1976, con nove podi totali conquistati: un record tuttora imbattuto), una il Tour de France (1965) e Vuelta a España (nel 1968). E’ stato uno dei sette corridori capaci di vincere tutte le tre grandi corse a tappe. Mentre fra quelli in linea ha vinto il campionato del mondo su strada, una Parigi-Roubaix, una Milano-Sanremo e due Giri di Lombardia.

Nonostante l’età si era sempre mantenuto in forma salendo in bicicletta e percorrendo lunghe distanze. Nel 2014 era finito su una buca percorrendo una strada nella zona dell’Isola bergamasca ed era rovinato a terra fratturandosi rovinando a terra. Si era però subito rimesso in sella pedalando per i quattordici chilometri che lo separavano dalla casa. Solo il giorno dopo era stato convinto dalla moglie ad andare al pronto soccorso dove gli era stata riscontrata la fratture di tre costole.