Torre Milano avrà in dotazione Alexa l’assistente vocale di Amazon

Una Torre Milano iper tecnologica e all’avanguardia avrà Alexa, l’assistente vocale di Amazon. Lo strumento digitale entra nella progettazione di nuove linee immobiliari che puntano allo smart living. Grazie alla partnership fra Amazon e Impresa Rusconi è stato lanciato il progetto per Torre Milano. Si tratta del nuovo sviluppo residenziale di OPM (Impresa Rusconi e Storm.it) firmato dallo Studio Beretta Associati.

Ciascun appartamento avrà in dotazione Alexa, il servizio di interazione vocale di Amazon che permette di controllare i diversi ambienti della casa con la voce, integrato con la piattaforma MyHomeUp di Bticino. “Nel 2018 il mercato della smart home ha raggiunto in Italia il valore di 380 milioni di euro” afferma Franco Villani, amministratore delegato di BTicino. “Una cifra destinata a crescere grazie al successo degli smart speaker. L’integrazione di applicazioni e servizi per formare scenari d’uso ricchi di funzionalità è il fattore chiave che determinerà il successo e l’affermazione della smart home come un vero e proprio sistema”.

Il progetto vale 45 milioni di euro. Sorgerà in connessione con i principali punti di snodo del tessuto urbano milanese, nelle vicinanze delle fermate della metro. I lavori interessano una superficie commerciale di all’incirca 10.500 mq. Sono stati avviati nella primavera 2019 e la conclusione è prevista a cavallo tra il primo ed il secondo semestre del 2022.

Torre Milano si pone in continuità con lo sviluppo verticale della città: 80 metri di altezza per 23 piani fuori terra e un 24° piano tecnico con belvedere sulla città. In Classe energetica A, Torre Milano sarà dotata di pannelli fotovoltaici, recupero delle acque per l’irrigazione e ventilazione meccanica controllata in ogni appartamento.