Il covid-19 fa quasi mille morti in un giorno: superata la Cina

Un giorno nerissimo per la Lombardia e l’Italia. Quasi mille morti. La curva dei contagi torna a salire. E’ questo si evince guardando il bollettino sulla situazione Coronavirus in Italia. I casi totali salgono a 86.498. I morti arrivano a quota 9.134 con un incremento di 969 unità nelle ultime 24 ore.

Il numero dei guariti è aggiornato a 10.950. Oggi 589 guariti, in calo rispetto ai 999 del giorno precedente. Stabili rispetto ai 4.492 di ieri (il totale sale così a 66.414). Lo ha comunicato il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri, nel corso della conferenza stampa alla Protezione civile. I guariti oggi sono 589, in calo rispetto ai 999 di ieri (10.950 il totale). I deceduti oggi invece sono 969, in decisa crescita rispetto ai 662 di ieri ma di cui 50 sono relativi al conteggio di ieri.

Dai dati della Protezione civile emerge che sono 23.895 i malati in Lombardia (1.706 più di ieri), 9.361 in Emilia-Romagna (+511), 6.648 in Veneto (+508), 6.347 in Piemonte (+397), 2.850 nelle Marche (+55), 3.170 in Toscana (+197), 2.060 in Liguria (+33), 2.013 nel Lazio (+178), 1.292 in Campania (+123), 1.027 in Friuli Venezia Giulia (+73), 1.164 in Trentino (+70), 833 in provincia di Bolzano (+42), 1.236 in Puglia (+141), 1.158 in Sicilia (+63), 925 in Abruzzo (+65), 824 in Umbria (+54), 413 in Valle d’Aosta (+35), 496 in Sardegna (+34), 469 in Calabria (+97), 86 in Molise (+5), 147 in Basilicata (+14). Quanto alle vittime, se ne registrano 5.402 in Lombardia (+541), 1.267 in Emilia-Romagna (+93), 313 in Veneto (+26), 569 in Piemonte (+120), 336 nelle Marche (+26), 177 in Toscana (+19), 331 in Liguria (+51), 98 in Campania (+15), 118 nel Lazio (+12), 76 in Friuli Venezia Giulia (+4), 69 in Puglia (+4), 60 in provincia di Bolzano (+12), 39 in Sicilia (+6), 68 in Abruzzo (+5), 21 in Umbria (+1), 37 in Valle d’Aosta (+9), 102 in Trentino (+16), 18 in Calabria (+4), 21 in Sardegna (+2), 9 in Molise (+1), 3 in Basilicata (+2). I tamponi complessivi sono 394.079, dei quali quasi 227mila in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.

dati coronavirus 27 marzo 2020