Vacanza nella Sardegna Nord Occidentale: quali sono le spiagge migliori

Ogni zona della Sardegna ha le sue particolarità e le sue bellezze, così anche la zona Nord Occidentale. Richiede un viaggio un pochino più lungo, forse, questo è vero, ma viaggiando con i moderni traghetti è solo un divertimento che si allunga di un paio d’ore.

Le vacanze in Sardegna, infatti, se si giunge qui con il traghetto iniziano non appena si sale a bordo. Le moderne imbarcazioni vantano innumerevoli servizi, intrattenimenti e un panorama tutto da godere. Le formule di viaggio sono diverse, cosicché ognuno può scegliere in base alle proprie esigenze e al budget.

Sardegna Nord Occidentale: quali sono le spiagge da non perdere

Cala Domestica

Abbracciata da alte rocce e isolata dal resto del mondo, c’è Cala Domestica, un gioiello prezioso vicino a Buggerru. La bellezza del luogo è il suo stato selvaggio e il poco afflusso di gente, quindi la pace e la tranquillità che permettono di ritrovare il proprio contatto con la natura e di godere della bellezza del luogo in silenzio. A piedi, visto che sono lì attaccate ci sono le dune di Scivu, un luogo degno dei migliori set cinematografici.

Costa Verde: Piscinas e Funtantazza

Sempre caratterizzata da un’aura di pace e ambientazioni fuori dal mondo c’è anche la spiaggia di Salinas. Si tratta di un lido costituito da sabbia fine e chiarissima distribuita su dune preziose. Qui è possibile godere della bellezza del luogo in tranquillità e anche quando le temperature sono roventi, il vento che soffia rende tutto perfetto. La spiaggia è comodamente raggiungibile da Ingurtosu. Appena poco più sopra c’è la famosa Cala Funtanazza, una perla di rara bellezza, se non si guarda alle spalle un grande complesso vacanza di qualche decennio fa.

Pistis

A Nord della zona chiamata Costa Verde, che a dire il vero ha ben poco di verde, si trova la zona detta Pistis che si estende per un chilometro e mezzo sino alla cosiddetta Torre dei Corsari. Anche in questo caso l’ambientazione che ci si ritrova di fronte è pseudo sahariana: ci si aspetta infatti da un momento all’altro spuntare qualche cammello. Gli arenili qui sono diversi, uno più bello dell’altro e tutti selvaggi e incontaminati. La spiaggia più famosa è probabilmente Is Arenas, ma frequentate sono anche S’Acqua e S’Ollastu.

Costa del Sinis

Da vedere di certo è anche la zona della Costa del Sinis. Ad IsArutas e Mari Ermi in particolare c’è un litorale del tutto inaspettato. Qui non c’è sabbia, ma una grana costituita da piccolissimi granelli di roccia e di quarzo. Con dimensioni simili a chicchi di riso, questi materiali riflettono il sole dando alla spiaggia un aspetto favoloso ed unico in tutto il Mediterraneo. Anche se si può essere tentati di farlo, è importante ricordare di non portare nulla con sé di naturale del luogo: è proibito e si rischiano multe molto salate.

Ogni giorno ci sono traghetti che arrivano sull’isola, con diversi orari, c’è quindi l’imbarazzo della scelta. In base al periodo, alla formula prescelta, alla compagnia di navigazione è possibile pagare importi differenti: in tutti i casi se si vuole risparmiare è sempre possibile in qualche modo trovare delle buone offerte su traghetti-sardegna.it. Si tratta di un portale che permette di risparmiare molto tempo: basta infatti inserire i parametri di ricerca, le date, il porto di partenza e destinazione, per poi poter avere in pochi attimi una lista delle varie proposte disponibili con tutti i dettagli del caso.