Un viaggio pittorico alla riscoperta dei Navigli di Milano

Lo sapevi che…il laghetto di Santo Stefano – realizzato alla fine del XIV secolo in corrispondenza dell’incrocio delle attuali vie Laghetto e Francesco Sforza – con le sue acque stagnanti procurava, fra i miasmi ordinari e quelli straordinari all’epoca dell’asciutta, gravi inconvenienti alla pubblica igiene e, in particolare, agli ammalati della vicina Cà Granda. Si narra che il 26 Gennaio 1857 l’imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, mentre visitava il nosocomio con la sua gentile consorte, affacciatosi a una delle finestre della sala San Filippo prospicente il laghetto, informato dall’illustre dottor Verga allora direttore, ne ordinasse alla civica amministrazione l’immediato interramento, riconfermato con decreto del 9 Febbraio pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di Milano.

Naturalmente l’ordine venne prontamente eseguito, senza preoccuparsi dei dibattiti che si sarebbero accesi e che – infatti – inevitabilmente si accesero (protraendosi per circa 40 anni!) fra la Fabbrica del Duomo, il Demanio e fra quest’ultimo e l’Amministrazione dell’Ospedale Maggiore. Per saperne di più: Edo Bricchetti I Navigli di Milano Viaggio pittorico, un prezioso album che raccoglie una straordinaria rassegna di dipinti (oltre 150) dei Navigli e che ci racconta il cuore e l’anima della Milano “città d’acque”, alla cui riscoperta ­veniamo guidati dalla competente e appassionata penna del “Custode delle Acque” Edo Bricchetti.