Pioli dopo il successo di Bergamo: abbiamo fatto bene ciò che è mancato a Liverpool

I tifosi rossoneri gioiscono per uno Stefano Pioli super star capace di fare l’impresa a Bergamo. A Dazn il mister si lascia andare alla gioia. “Questa prova chiude un periodo positivo in cui la squadra ha sempre risposto, anche nelle sconfitte di Champions. Significa che stiamo crescendo”. La rete di Pasalic nel finale l’ha innervosito, tanto da prendere un’ammonizione per proteste. “Sul secondo gol dell’Atalanta c’era un fallo clamoroso, non capisco come si faccia a non vederlo, ma non mi interessa. L’importante è vincere e sono troppo soddisfatto della prestazione della mia squadra. Tonali parla di obiettivo scudetto? Giusto che i ragazzi cavalchino questo sogno, a ogni partita abbiamo la possibilità di dimostrare di poter competere”.

“Credo che la Serie A stia migliorando perché molti allenatori propongono un gioco più intenso, come succede in Europa. In questo senso, la Champions ci è servita molto”. Sui rientri di Ibrahimovic e Giroud dopo la sosta Pioli ammette. “Non vedo l’ora che tornino, sono due grandi campioni, però stasera ci tengo a fare i complimenti a Leao e Rebic… quando ci sono loro, è chiaro che abbiamo molta più profondità”.

Nessun dubbio di Pioli sulla prestazione di Kessie dopo il rosso contro l’Atletico. “Mai avuto dubbi sul comportamento di Franck, le vicende di contratto esistono ma ha fatto una partita strepitosa. Livello alto da parte di tutti, ma la sua in particolare è stata una gara ottima dal punto di vista fisico e tecnico. Resta un titolarissimo di questa squadra, ma come altri componenti della rosa”.