I milanesi sognano di lasciare tutto al proprio cane o gatto

A raccontare una vera e propria tendenza è il notaio milanese Maria Clementina Binacchi. Cane o gatto eredi dei beni del proprio padrone. Tuttavia nel nostro ordinamento gli animali non sono soggetti giuridici. Non è quindi possibile cedere loro, direttamente, un patrimonio.

Come lasciare tutto al proprio cane o gatto

E’ possibile invece istituire come erede un’associazione che si impegni ad usare il bene a vantaggio di uno o più animali. Sono infatti molti i milanesi che desiderano “lasciare tutto” al proprio cane o gatto, quando non ci saranno più. C’è anche chi chiede di essere seppellito vicino. Altri di spargere le proprie ceneri nello stesso posto. Alla stampa il notaio ha rivelato di avere già scritto le sue volontà. “Voglio che le mie ceneri siano disperse nel mare insieme a quelle dei miei animali”. Al suo fianco c’è Rosa, cagnolina retriever dal manto nero. La donna che avrebbe voluto lasciare tutto al suo gatto è in vita. Il suo amico a quattro zampe ama gli uccellini, lascerà quindi uno dei terreni che possiede ad un’associazione che creerà un’oasi per i volatili.

Una veterinaria in pensione invece vuole lasciare i suoi beni ad associazioni che si occupano di animali. Un’altra donna cura una casa rifugio per cani intesterà i suoi beni a chi raccoglierà il testimone della sua “casa felice”.

Andare dal notaio

L’associazione LAV, insieme al Consiglio Nazionale del Notariato e al Consiglio Notarile di Milano, a tal proposito ha organizza l’incontro “Fare testamento: perché e come lasciare un segno”. È infatti possibile istituire erede o legatario un’associazione o un ente che abbia come scopo statutario la tutela degli animali. In alternativa si può nominare erede o legatario un altro soggetto di fiducia, con l’onere di utilizzare in tutto o in parte il bene o la somma lasciatagli a vantaggio di animali. Per non penalizzare i legittimi eredi, il notaio saprà indicare quale quota è riservata a quelli legittimi e quale parte del patrimonio potrà essere devoluta agli enti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *